D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


mercoledì 25 giugno 2014

Diossina nel mais, contaminate più di 26.000 tonnellate: allarme in 12 regioni

 mais pericolo diossina

In Italia la diossina nel mais potrebbe determinare il blocco di latte, uova e carne. Tutto è successo a causa di un carico di 26.000 tonnellate di mais contaminato, che è destinato agli allevamenti. Ci troviamo di fronte ad un vero e proprio caso di sicurezza alimentare, perché un contaminante cancerogeno è arrivato attraverso il cibo a molti animali. Prima che le autorità si accorgessero della situazione, metà del carico è già stato probabilmente utilizzato.
La vicenda risale ai suoi inizi del 7 aprile, quando dall’Ucraina è arrivata nel porto di Ravenna una nave contenente 26.059 tonnellate di mais. Quest’ultimo viene immagazzinato nei silos e poi viene distribuito a varie aziende che si occupano di ottenere dei mangimi, trasformandolo in farina e mischiandolo ad altri ingredienti. In diversi allevamenti arriva questo mangime contaminato, destinato a mucche da latte, bovini, polli e maiali. Addirittura una parte di questo mais è finito anche in preparati alimentari per animali domestici, cibi che vengono venduti al supermercato per i nostri amici a quattro zampe. I primi controlli non si rivelano efficaci. Soltanto l’11 giugno a Piacenza, in seguito ad un accertamento sanitario, si è scoperto che il mais è contaminato dalla diossina. Si è riscontrato che i valori rintracciati in questi prodotti trasformati sono troppo alti rispetto ai limiti consentiti dalla legge. Per questo motivo viene inviata anche una notifica al sistema di allerta europeo e la notizia si diffonde immediatamente.
Ci si trova di fronte ad una vera e propria allerta. Inizialmente il Ministero della Salute ha diffuso un comunicato stampa piuttosto generico: si spiega che sono state attivate delle procedure per rintracciare il mais alla diossina, in modo che il carico venga bloccato. Viene detto che lo scopo è anche quello di intercettare tutti gli allevamenti, che avrebbero usufruito di questo mais non in regola. La situazione, comunque, sembra essere sfuggita di mano e il rischio interessa 12 regioni: Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Trentino, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Lazio, Umbria, Marche, Calabria e Sicilia. 5.000 tonnellate di mais non in regola, che sono rimaste nei silos, sono state sequestrate. Il problema è che la diossina è una sostanza cancerogena, che danneggia gli animali, perché si accumula nel loro grasso, e può finire nel latte, nelle uova e nelle carni che vengono commercializzate.


 http://www.ecoo.it/