D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


martedì 20 maggio 2014

Infanzia negata da banditi mercenari...


Il coraggio di un bambino di quattro anni per proteggere il padre durante l'arresto. 5/8/2010
Il contadino Fadel Jaber viene arrestato per 'aver rubato dell'acqua' nel villaggio palestinese di Sussia, a sud del Monte Hebron.
Israele ha costruito tubature dell'acqua nella zona, ma servono soltanto l'esercito e i coloni. 
I palestinesi sono obbligati a guidare per la città più vicina, e comprare la loro acqua nei serbatoi laggiù.
al-Khalil (Hebron) – Pal Telegraph. Khaled Fadhel al-Jabari è un bambino palestinese di soli quattro anni e l'episodio di cui è protagonista ha rivelato un coraggio in grado di disarmare un adulto.
Il padre di Khaled veniva portato via dai soldati israeliani dopo una retata in cui altri membri della famiglia erano rimasti feriti. L'uomo è stato portato via per aver “resistito all'arresto”.
Nell'attimo in cui le truppe d'occupazione israeliane hanno avvicinato l'uomo alla jeep, il bambino si è esposto personalmente per impedire l'azione dei militari.
Nello stesso momento in cui i militari ordinavano all'uomo di salire sul mezzo, Khaled ha afferrato forte la maglia del padre dalla schiena senza lasciarla mai.
Il tentativo di Khaled, che urlava ai soldati di lasciare stare il padre, è durato per un po', mentre i militari maltrattavano ed umiliavano l'uomo davanti agli occhi del figlio che restava aggrappato al padre.
L'indifferenza dei soldati di fronte al bambino ha dimostrato la brutalità dell'occupazione israeliana, e quando Khaled ha provato a portare del cibo al padre all'interno della camionetta, i militari hanno respinto il gesto del bambino con una freddezza e una severità pari a quella adottata di fronte ad un nemico armato.
Il padre è stato portato via insieme ad uno zio di Khaled, che intanto restava in lacrime a guardare la camionetta con il padre allontanarsi.
Mar 27, 2014 - apartheid dell'acqua in Palestina - un crimine contro l'umanità?
La situazione a Gaza è particolarmente terribile. Il minuscolo, territorio densamente popolato si basa interamente sulla propria falda acquifera impoverita, contaminata da acqua salata e inquinata dalle acque reflue, e l'acqua che produce è inadatta al consumo.
L'acqua deve essere acquistata, costosamente, in bottiglie o dai serbatoi mobili. Inoltre le restrizioni sulle importazioni di carburante significano che centrale unica di Gaza trascorre la maggior parte del suo tempo in inattività e finché non sono attivi il sistema idrico e fognario non può essere pompata.
Così i rubinetti sono a secco, servizi igienici sono bloccati, e l'inquinamento delle acque reflue peggiora. Non che i residenti palestinesi di Gerusalemme Est disponiamo di mólto meglio.
Come riportato il 17 marzo, la città subì un lungo taglio acqua a partire dal 4 marzo lasciare Ras Shehada, Ras Khamis, Dahyat A'Salam e il campo profughi di Shuafat - tagliati fuori dal resto della città dal muro di separazione - senza acqua corrente.
Ayman Rabi
Bambino, di cinque anni, Implora soldati di non prendere il suo papà
Le telecamere hanno catturato il momento doloroso di un ragazzo palestinese di cinque anni che vede il padre arrestato per aver rubato l'acqua. Khaled Jabari geme nel tormento e nella confusione come soldati israeliani trascinano via il padre Fadel nel distretto di Hebron. Camminare a piedi nudi, la giovanotto diventa isterica mentre supplica con le truppe di non prendere suo padre lontano. Uno dei soldati raccoglie il ragazzo e lo rimuove dalla scena prima di Fadel viene scacciato in un quattro ruote motrici. Dopo aver visto il filmato, Abu Hashem Maria, da Defence for Children International carità, ha detto che era ovvio che il bambino pensava che il suo padre non avrebbe mai ritorno.