D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


giovedì 10 luglio 2014

IL VIRUS DELL'OBBLIGO


 video:

https://www.youtube.com/watch?v=pHenB9SfPjU


QUESTA E' LA BATTAGLIA CHE IO, DA SOLO INIZIUALMENTE, AFFRONTANDO MASTODONTICHE DIFFICOLTA' HO INIZIATO CONTRO L'USO IRRESPONSABILE DELLA PRATICA VACCINALE, DOPO LA MORTE DEL MIO SECONDO FIGLIO ANDREA GEMELLO MONOOVULARE DI ALBERTO AVVENUTA NEL 1980 A CAUSA DEL VACCINO E, NONOSTANTE LA FERREA OPPOSIZIONE POSTA IN ATTO DELLA SANITA' PUBBLICA PERCHE' ALBERTO NON DOVESSE RIMANERE VIVO, E' INVECE SOPRAVVISSUTO ALL'IMMANE TRAGEDIA CHE SI E' ABBATTUTA SULLA NOSTRA GIA' MENOMATA FAMIGLIA.

UNA SCIENZA DEVIATA E UTILIZZATA SOLO PER SMENTIRE LE EVIDENZE DEL DANNO VACCINALE NON E’ DEGNA DI QUESTO NOME E NEMMENO DELLA NOSTRA ATTENZIONE !
Dal 1998 data del filmato qui sotto riproposto, e anche da prima, le posizioni di chi diffondeva informazione sui danni da vaccino (vedi COMILVA, da me inizialmente fondato e altre associazioni) e le posizioni di chi difendeva le “qualità miracolistiche” prive di ogni effetto indesiderato dei vaccini sono praticamente rimaste invariate. Anzi, per dirla tutta, le posizioni di chi allora non ha vaccinato i propri figli si sono ulteriormente rafforzate, perché nel corso degli anni si è riscontrato che i loro figli sono cresciuti sani, forti e assolutamente in piena salute contrariamente a quanto ipotizzavano i “gufacci” di allora sperando di ottenere la ragione tanto desiderata e di poter scrivere qualche articoletto sui giornali del tipo “SI AMMALA GRAVEMENTE, NON ERA VACCINATO” e amenità di questo tipo. Oggi fortunatamente c’è una maggiore presa di coscienza dei genitori sul fatto che i vaccini non sono così innocui come ci venivano illustrati anni fa, (la loro inutilità, la loro pericolosità intrinseca, la loro neuro tossicità è stata ampiamente dimostrata da medici e scienziati altamente qualificati, anche se purtroppo non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire come le nostre istituzioni succubi di un sistema marcio fino al midollo), e infatti sotto questo aspetto il livello di sordità di queste persone è da ricovero d’urgenza, ma nel frattempo fra una disinformazione mediatica e l’altra con la compiacenza di esseri ignobili e spregevoli, per non dire dei veri e propri sciacalli della medicina e dell’informazione, altre decine di migliaia di bambini in Italia sono rimasti danneggiati in modo grave o permanente e nei casi peggiori sono addirittura deceduti a seguito delle vaccinazioni loro praticate. Molti genitori abboccano ancora alle fascinose e fiabesche maniere dei cultori titolati di tale pratica, che nel tempo hanno affinato le loro argomentazioni, sempre e solo però guarda caso, al fine di escludere i vaccini da ogni possibile responsabilità in caso di reazioni avverse anche evidenti e presenti sotto i loro stessi occhi tenuti opportunamente chiusi per non dovere ammettere le proprie gravi responsabilità o le responsabilità gravissime delle istituzioni sanitarie di livello un po’ più elevato. Questo dovrebbe già essere un motivo in più per i genitori per porsi domande del tipo, “ma è possibile che i vaccini inoculati per via intramuscolare a mio figlio / a contenenti tutte quelle sostanze neuro-tossiche e immuno-allergo-tossiche non possano mai produrre degli effetti indesiderati come le reazioni avverse più o meno gravi agli stessi” ? Per fortuna vi sono anche stati negli anni centinaia di casi gravi di danno da vaccino e di autismo indotto dalle vaccinazioni riconosciuti da giudici coraggiosi e con le spalle coperte nei confronti delle organizzazioni istituzionali, sempre pronte a sparacchiare subito tutte le pallottole a loro disposizione, per cercare di smentire la verità emersa e sotto gli occhi di tutti, e per rassicurare la popolazione che tanto amorevolmente vaccinano e non altrettanto amorevolmente abbandonano, come fossero giocattoli difettosi, nei casi in cui le cose vadano storte, diffondendo falsità di ogni genere evidenti e palesi se non lapalissiane, al fine di non perdere una potenziale clientela che probabilmente non perderanno mai in toto, ma per lo meno, avrà modo di fare valere le proprie ragioni, anche e soprattutto nelle aule di tribunale, nei confronti di tali discutibili personaggi, quando si accorgeranno delle bugie da essi diffuse e potranno finalmente avere la parola per dire loro un giorno “ve l’avevamo detto noi…” !


 Giorgio Alberto Tremante.