D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


mercoledì 20 marzo 2013

Buco da 550 milioni e 400 licenziamenti: l’Idi di Roma, ospedale religioso, è un magna magna


La definizione ad hoc per la franosa storia sanitaria e finanziaria dell’Idi – l’ospedale religioso di Roma – è stata data dallo stesso direttore generale Giuseppe Incarnato – indagato per ipotesi di ‘associazione a delinquere finalizzata all’appropriazione indebita’: “L’Idi è diventato un magna-magna”. Ufficialmente da aprile 2012 è emerso il grave buco finanziariodell’ospedale che oggi ammonta a 550 milioni di euroUno strano deficit considerando che, dal 2010, l’Idi ha ricevuto migliaia di euro tra 5 per mille, rimborsi regionali e soldi stanziati dal Ministro dell’Istruzione e della Sanità. La Procura di Roma indaga ed anche la DDA antimafia che propende per una possibile ombra della ‘ndrangheta. Alla fine a pagarne le spese è sempre l’anello debole della catena: sono in vista 400 licenziamenti per i lavoratori dopo ben 7 mesi ‘senza stipendio’.


di Maria Cristina Giovannitti
L’Istituto Dermopatico dell’Immacolata di Roma – detto anche l’ospedale del Vaticano perché fa capo alla Congregazione dei Figli dell’Immacolata – è sull’orlo del collasso. Il 20 marzo segna il termine di scadenza per proposte di recupero da presentare al Tribunale di Roma per evitarne il fallimento.
Il baratro è un buco economico e anomalo di ben 550 milioni di euro, di cui non si riesce a trovare giustificazione, soprattutto per un ospedale che ha incassato soldi sia dal pubblico che dal privato.
Il ‘magna –magna’ dell’Idi però grava solo sulle spalle dei dipendenti che da 7 mesi non percepiscono lo stipendio e che in 400 verranno licenziati.

idi-romaCHI ‘MAGNA’ SULL’IDI? – Difficile capire che fine abbiano fatto i soldi dell’Istituto sanitario di Roma,spariti nel nulla a quanto pare. Indaga la Procura di Roma che ha riscontrato non poche anomalie. Giuseppe Profitti è il commissario inviato dal Vaticano per controllare il disastro finanziario dell’Idi – nonché uomo molto vicino a Bertone.
Secondo il Profitti questo enorme debito accumulato  dall’Istituto sarebbe dipeso dal personale: medici, infermieri e dipendenti costerebbero troppo rendendo insostenibile la situazione.
Addirittura per ‘pagare’ i lavoratori, l’ospedale spenderebbe ben l’87% del fatturato, un esubero ingente che necessariamente porta al licenziamento.
Vero è che l’Idi ha ben 1600 dipendenti ma c’è anche da sottolineare il fatto che di questi ben 400 – quelli che sono nella black list dei licenziamenti – da ben 7 mesi non percepiscono lo stipendio. Questo è il punto di vista di Profitti e dell’entourage bertoniano.
Opposti sono i numeri e la visione emersa nel dossier dell’ex prefetto Vincenzo Boncoraglio. Secondo il prefetto i lavoratori in esubero sono solo 164 e non 400 come dice il Profitti, non sono necessari i licenziamenti ma: “possono essere tutti riassorbiti, con processi di innovazione attraverso un aumento della produttività”.
A chiusura della sua relazione Boncoraglio specifica anche il fatto che il costo del personale non è dell’87% ma si riduce a 48,5 milioni di euro, molto meno di quanto riportato da Profitti. Insomma ci sono pareri, dati e numeri contrastanti: qualcosa non quadra nel debito di 550 milioni di euro dell’Idi e si sospetta che sia un deficit accumulato non solo dall’ospedale e che forse il Vaticano vuole coprire?
 
GLI INCASSI DELL’IDI CHE NON HANNO FATTO MAI PENSARE AD UN FALLIMENTO – La speculazione sull’Idi è stata tanta per ammissione dallo stesso direttore generale Giuseppe Incarnato che ha affermato come una siringa che costa normalmente 0,2 euro veniva pagata dall’ospedale ben 4 euro. Intanto nulla faceva pensare alla rovina economica dell’ospedale Vaticano soprattutto perché l’Istituto ha sempre beneficiato dei soldi pubblici e privati: nel 2010 ha ricevuto  come rimborsi regionali 77 milioni di euro.
In più il Ministero della Salute – poiché centro di ricerca dermatologica – ogni anno dava all’Idi 2 milioni e mezzo di euro. Soldi anche dal Ministero dell’Istruzione che ha stanziato 9 milioni di euro nel 2011. A questo aggiungiamoci le donazioni del 5 per mille che quantitativamente oscillano tra i 150 e i 200 mila euro esommiamoci gli incassi che ogni giorno fa l’ospedale: tra i 50 e i 70 mila euro.Insomma tutto ciò per sottolineare che i rubinetti finanziari non sono mai stati chiusi verso l’Idi, si è sempre investito e finanziato sull’ospedale del Vaticano. E allora la ‘perdita’ dov’è?

dia_idi_romaSPECULAZIONI E L’OMBRA DELLA ‘NDRANGHETA –Nella maxi indagine della Procura di Roma, il pm Michele Nardi si muove nel vertice del sistema Idi: indagati per ipotesi di “associazione a delinquere  finalizzata all’appropriazione indebita” il direttore Giuseppe Incarnato, subentrato per sostituire Domenico Temperini, legato  al religioso Franco Decaminada, ex consigliere delegato dell’Idi, anche lui indagato. In realtà il sospetto è che lo stesso Incarnato venisse guidato dalla volontà del Temperini-Decaminada.
Tra gli altri indagati: il religioso Aleandro Paritanti, altro religioso Eugenio Lucchetticapo della Congregazione, Antonio Nicolella, consulente del gruppo religioso, e Giovanni Rusciano, un imprenditore legato all’Idi. Speculazioni ma anche una possibile strada mafiosa su cui, invece, lavora la DDA: il sospetto è che ci sia l’ombra della ‘ndrangheta in questo tracollo finanziario.

A lasciare spazio a questa ipotesi le stesse dichiarazioni di Giuseppe Incarnato che ha detto di essere stato minacciato davanti all’ospedale da un uomo che con accento calabrese – e per questo, secondo lui, uomo di ‘ndrangheta– gli ha detto: “Dotto’, la prossima volta vengo e ti sparo”. Il motivo delle minacce della ‘ndrangheta potrebbe essere legato alla recessione dei contratti che Imncarnato ha attuato con i fornitori, un gesto ‘scomodo’ perché i numerosi e costosi fornitori dell’Idi fruttavano molto proprio alla ‘ndrangheta, secondo il dirigente.
Intanto le indagini proseguono: 550 milioni di euro sono spariti nel nulla, a pagarne le spese saranno i 400 lavoratori licenziati e i cittadini che beneficiavano della struttura sanitaria che oggi ne perde di quantità e qualità.