D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


giovedì 5 dicembre 2013

Il leader delle rivoluzioni colorate era pagato da un’agenzia USA d’intelligence privata


-di Davide Consonni- 

Vi propongo la traduzione di quest’articolo pubblicato su Occupy.com. E’ una ricerca compiuta da Carl Gibson e Steve Horn in merito ai legami tra Popovic e la Stratford, agenzia privata di intelligenze del Texas. Avevo già scritto un articolo in merito ai rapporti tra i servizi occidentali e Otpor: 2000-2012: 12 ANNI DI RIVOLUZIONI CREATE E MANIPOLATE DALLA CIA? 

Qui di seguito l’articolo tradotto, le parole o frasi in grassetto contengono collegamenti esterni ad altri siti web:
“Il serbo  Srdja Popovic  è conosciuto da molti come uno degli architetti dei cambiamenti di regime in Europa orientale e altrove, dalla fine degli anni 1990, è anche coosciuto come uno dei co-fondatori di Otpor!, il gruppo attivista serbo finanziato dagli Stati Uniti che rovesciò Slobodan Milošević nel 2000 .
Meno nota è un’indagine esclusiva di Occupy.com la quale rivela che Popovic e Otpor! e  CANVAS  (Centre for Applied Nonviolent Action and Strategies) hanno inoltre mantenuto stretti legami con un dirigente di Goldman Sachs e la società privata di intelligence  Stratfor  (Strategic Forecasting, Inc.), così come con il governo degli Stati Uniti. La moglie di Popovic ha lavorato anche lei a Stratfor per un anno.
Queste rivelazioni arrivano all’indomani di migliaia di messaggi di posta elettronica rilasciati da  Wikileaks ‘”Files Global intelligence.  Le e-mail rivelano che Popovic ha lavorato a stretto contatto con Stratfor, una società privata con sede a Austin, Texas, che riunisce intelligence per eventi geopolitici riunendo attivisti per i  clienti  che vanno da l’American Petroleum Institute e Archer Daniels Midland a Dow Chemical, Duke Energy, Northrop Grumman, Intel e Coca-Cola.
Di cui alla e-mail sotto il moniker  “SR501,”  Popovic è stato avvicinato da Stratfor nel 2007 per tenere una lezione nell’ufficio della ditta sugli eventi traspiranti in Europa orientale, secondo una fonte Stratfor ha chiesto di rimanere riservate per questa storia.
In uno dei messaggi di posta elettronica, Popovic ha trasmesso informazioni su attivisti danneggiati o uccisi dal  governo del Bahrein US-armati,  ottenuti dal Centro del Bahrain per i diritti umani durante la repressione del regime degli attivisti pro-democrazia  nell’autunno 2011. Popovic ha anche  scritto un progetto  per Stratfor sul modo di spodestare il presidente venezuelano ormai defunto Hugo Chavez nel settembre 2010.
Attivista Globale Mercenario di Stratfor
Usando il suo status di attivista celebre, Popovic ha aperto molte porte per Stratfor per incontrare attivisti a livello globale. A sua volta,  Stratfor destinato a guadagnare da contatti Popovic sarebbe servita come “intelligence” -  l’impresa stessa è classificata come un “CIA Shadow” per i suoi clienti aziendali.
Popovic passava informazioni a Stratfor sugli eventi relativi ad attivisti nei paesi in tutto il mondo, che vanno dalla  Filippine , Libia , Tunisia ,  Vietnam ,  Iran ,  Azerbaijan ,  Egitto ,  Tibet ,  lo Zimbabwe ,  la Polonia e la Bielorussia ,  la Georgia ,  Bahrain ,  Venezuela  e  Malaysia .Spesso, le e-mail rivelano che Popovic trasmetteva le informazioni alla Stratfor senza il consenso degli attivisti.
Stratfor ha detto che l’uso principale di Popovic per la ditta era la sua vasta gamma di contatti attivisti di base in tutto il mondo.
“Un piccolo promemoria è che l’utilità principale di questo contatto è la sua capacità di connetterci ai facinorosi di tutto il mondo con cui egli è in contatto. La propria capacità di discernere situazione sul terreno può essere limitata, ha principalmente il contatto iniziale con un’attività e quindi permette loro di fare le loro cose “,  si legge in una e-mail maggio 2010 scritto dall’ex Stratfor Eurasia analista Marko Papic. “Lui ha informazioni che possono essere utili di volta in volta. Ma, l’idea è di raccogliere una rete di contatti attraverso TELA per poi contattare in modo indipendente. “
Popovic è stato così ben accolto da Stratfor, che  anche sua moglie ha ottenuto un lavoro lì . Ha lavorato per un anno dal marzo 2010 attraverso marzo 2011  come analista week-end open source intelligence a Stratfor.  L’altro candidato per il lavoro, Jelena Tancic, ha lavorato anche per CANVAS .
“Il ragazzo Canvas [Popovic] è amico / fonte [per Stratfor], e il suo consiglio per noi,”  vice presidente di Stratfor di Analisi Scott Stewart  ha detto in una  e-mail marzo 2010 .
Popovic e sua moglie sono cresciuti così vicino a Stratfor, infatti, che Popovic  ha invitato numerosi membri del personale Stratfor al loro matrimonio  a Belgrado, Serbia.
Aiutare Stratfor a fabbricare Rivoluzioni
Stratfor ha visto il valore principale di Popovic non solo come fonte di intelligence sui movimenti rivoluzionari e attivisti globali, ma anche come qualcuno che, se necessario, potrebbe aiutare a rovesciare i leader di paesi ostili agli interessi geopolitici e finanziari degli Stati Uniti. Così utile era Popovic a Stratfor che la società gli ha dato un abbonamento gratuito, “fonti legittime usiamo per tutto il tempo come una società ”di Papic.
In una  email giugno 2011 , Papic indica Popovic come un “grande amico” di lui e lo ha descritto come un “attivista serbo che viaggia  per il mondo fomentando rivoluzione”
“Loro … praticamente girano il mondo cercando di rovesciare dittatori e governi autocratici (quelli che agli Stati Uniti non piacciono) “,  Papic, dice in una e-mail . Rispondere a un follow-up e alla posta elettronica, egli afferma, “solo andare e aprire un negozio in un paese e cercare di far cadere il governo, se usato correttamente, quel negozio può esser più potente di un gruppo di portaerei “.
 Stratfor Vice Presidente di Intelligenza Fred Burton  ha detto che forse potevano essere  mandati in Iran . E-mail rivelano anche che Popovic è  servito come fonte di informazioni  da intermediario per  gli attivisti on-the-ground  in Iran, anche informando Stratfor della  ricerca di finanziamenti per “programmi di democrazia” in Iran .
Un’altra email del marzo 2010 da Stewart a Burton dice che il piano era “cercare di sbarazzarsi di Chavez”,  riferendosi al compianto presidente venezuelano Hugo Chavez. Nel 2007, CANVAS  ha addestrato gli attivisti per rovesciare Chavez .
“Se non ricordo male, usiamo la comunicazione Hushmail per contattare lui per quanto riguardava il Venezuela, a causa della sensibilità di utilizzare una ONG rivoluzionaria come fonte, considerando che abbiamo clienti che operano nel Paese”,  ha detto Papic in Gennaio 2011 email  a Popovic.
Stratfor fu così attratta dal potere causare cambiamenti di regime all’estero che  invitava Popovic al suo quartier generale di Austin nel 2010 per dare seminari  sull’argomento, pagando tutto il viaggio e le spese.
Da CANVAS a Goldman Sachs Cash
Uno dei principali alleati è Muneer Satter , un ex dirigente di Goldman Sachs, che  si è dimesso da quella posizione nel giugno 2012  e ora possiede Satter Investment Management LLC. Anche  Stratfor CEO Shea Morenz ha  lavorato per dieci anni in Goldman Sachs, dove ha lavorato come Managing Direttore della Divisione Investment Management e Regione Responsabile Wealth Management Private per la regione del sud-ovest.
Satter è nel frattempo uno dei principali finanziatori del partito repubblicano,  sborsando più di $ 300.000 di Karl Rove Super Pac Crossroads GPS per le elezioni 2012, e  altri 100.000 dollari al Republican Governors Association  nella prima metà del 2013 prima delle elezioni del 2014 di medio termine.
Vive in un  enorme palazzo dal valore di 9,5 milioni dollari  in North Shore, sobborgo di Chicago, Muneer ha anche  dato 50 mila dollari al fondo inaugurale del presidente Obama  nel 2009.
Quando è arrivato il momento di collegare Muneer con la ditta intelligence globale Stratfor, Popovic servì da intermediario tra Satter di Stratfor e il presidente George Friedman .
“Ogni volta che voglio capire i dettagli dietro gli eventi del mondo, mi rivolgo a Stratfor”, recita l’approvazione di Satter  sul sito di Stratfor .“Hanno l’analisi più dettagliata e approfondita sugli affari del mondo e sono chilometri avanti di media mainstream.”
Otpor: una contro-storia
Per capire come Popovic è divenuto l’aiutante Stratfor nei suoi sforzi di raccolta d’intelligence, è fondamentale esaminare Otpor! e CANVAS criticamente. Un attento esame dimostra che Popovic è stata una scelta naturale per essere un informatore della Stratfor e loro consigliere.
“In linea di principio, [Serbia] era un’operazione palese, finanziata con stanziamenti del Congresso USA di circa 10 milioni dollari per l’anno fiscale 1999 e $ 31 milioni per il 2000. Alcuni americani coinvolti nello sforzo anti-Milosevic hanno detto che erano a conoscenza dell’attività della CIA ai margini della campagna, ma ha avuto difficoltà a scoprire ciò che l’agenzia  svolgeva”, ha spiegato nel 2000 in un  pezzo investigativo che appare in The Washington Post .
“Il ruolo principale fu svolto dal Dipartimento di Stato e dall’Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale, agenzia di assistenza estera del governo, che canalizzò i fondi attraverso i contraenti commerciali e gruppi no-profit come NDI e la sua controparte repubblicana, l’International Republican Institute (IRI). “
La dichiarazione di Papic su CANVAS: “più potente di una portaerei” non era mera iperbole, ma era basata sull’esperienza serba di Otpor! alla fine degli anni 1990.
“In effetti tra il 1997 e il 2000 il National Endowment for Democracy e il governo degli Stati Uniti potrebbe aver compiuto ciò che 37.000 sortiti bombardamenti della NATO non erano stati in grado di fare: cacciare Milosevic, sostituirlo con il loro candidato favorito Vojislav Kostunica e promuovere una visione neoliberale per la Serbia.
Otpor! ebbe un tale successo che è stato  introdotto in Ucraina per contribuire cambiare il regime  nel 2004,  utilizzando il modello applicato originariamente in Serbia  con  65 milioni dollari  in contanti da parte del governo degli Stati Uniti.
“Li abbiamo addestrati a come impostare una organizzazione, come aprire gruppi locali, come creare un ‘marchio’, come creare un logo, simboli e messaggi chiave”,  ha detto un attivista ad un organo di stampa US-finanziato Radio Free Europe-Radio Liberty . “Li abbiamo addestrati a come identificare i punti deboli principali della società e quali erano, quali sono i problemi più urgenti della gente che potrebbe essere sfruttato come un fattore motivante per le persone, e soprattutto i giovani, ad andare alle urne e in questo modo a plasmare il proprio destino . “
Il rovesciamento di Milosevic è stato accompagnato da finanziamenti statunitensi per la creazione di un apparato multimediale robusto in Serbia, e la moglie di Popovic ha lavorato presso una delle radio e TV  US-finanziati come giornalista e  B92  2004-2009.
“Aiutando Radio B92 e il collegamento con una rete di stazioni radiofoniche (Anem), l’assistenza internazionale ha minato il controllo diretto e indiretto del regime sulle notizie ed informazioni”, un  documento politico del gennaio 2004 rilasciato da USAID ha spiegato  che “In Serbia, i media indipendenti sostenuti da USAID e altri donatori internazionali hanno facilitato il cambiamento di regime.”
I critici sottolineano che quello che è successo in Europa orientale è stato un cambio di regime, non rivoluzione in alcun vero senso del termine.
“[Esse] non erano rivoluzioni, in realtà, erano poco più che i trasferimenti di potere intra-elite ‘”,  ha spiegato il professore Gerald Sussman della Portland State University Professore di Studi Urbani e Pianificazione, nel suo libro, “ Democracy Branded: US Regime Change in post-sovietica dell’Europa orientale ”.
“Tattiche moderne di campagna elettorale sono state impiegate per lanciare un cambio di regime, che ha approfittato delle situazioni instabili e vulnerabili in quelle regioni in seguito alla disgregazione dell’Unione Sovietica”, ha scritto.
Dati i legami  di ‘Otpor!  con le potenti fazioni del governo degli Stati Uniti, forse non sorprende che Popovic si sentiva a suo agio  dando una lezione alla Air Force Academy nel maggio 2010 , e a  partecipare ad una riunione del Consiglio di Sicurezza Nazionale nel dicembre 2009 .
I critici scrivono, Popovic risponde
Maryam Alkhawaja , direttore del  Centro del Bahrain per i diritti umani, ha detto che aveva conosciuto Popovic per diversi anni come attivista e non aveva la conoscenza delle sue relazioni esterne prima del rilascio di email tra Popovic e Stratfor da parte di Wikileaks.
“Srdja Popovic l’ho incontrato più di una volta. Era molto favorevole alla rivoluzione in Bahrain, in sostegno dei diritti umani “, ha detto Alkhawaja in un’intervista telefonica. “Quando mi ha dato le informazioni, questo è quello che mi ha sorpreso di più.”
Alkhawaja ha detto che al momento non era a conoscenza di che tipo di società Stratfor fosse, ma divenne subito sospettosa dopo aver letto le domande che Stratfor le inviò . Non ha mai risposto a Stratfor a causa di quello che sentiva, la natura sospetta delle email provenienti dalla società.
“E ‘stata una serie di questioni di intelligence davvero strano, dato che sapevano che stavo lavorando in un gruppo per i diritti umani. Stavano facendo domande come, chi ha finanziato la coalizione del partito, quanti membri lo formano, domande a cui neanche io sapevo rispondere. “Il fatto è che mi chiedevo il motivo per cui  ho ricevuto le email da Stratfor. . Ecco perché non ho mai risposto. “
“Ogni volta che otteniamo e-mail del genere o sono stati contattati da persone che sembravano molto interessati a chiedere di  domande di intellgence, di solito li blocchiamo, perché sappiamo che probabilmente lavorano per il governo”, ha continuato Alkhawaja. “I giornalisti conoscono il tipo di lavoro che facciamo in modo che non avrebbero fatto domande, in primo luogo. Ho trovato l’email molto strana ed ecco perché io in realtà mai risposto. “
In un’intervista Skype, uno dei Co-fondatori di Otpor, che ha lasciato il movimento e ha chiesto di mantenere il l’anonimato, ha detto che la sua preoccupazione principale in merito ai messaggi di Wikileaks era che Popovic stava vendendo attivisti e informazioni a terzi senza il loro preventivo consenso.
Un colloquio con Popovic dice altro. Egli ha affermato: “Noi sicuramente non rischiamo di compromettere la sicurezza dei nostri attivisti, così dobbiamo sempre seguire il loro esempio e non esporli a nessuno senza il loro consenso.”

Steve Horn  è un giornalista investigativo freelance-Madison WI, e Research Fellow presso  DeSmogBlog , dove apparve il primo pezzo.
Carl Gibson è co-fondatore degli Stati Uniti Uncu, ed è un redattore per ReaderSupportedNews.org e piombo giornalista investigativo per Occupy.com. Seguilo su Twitter all’indirizzo @ uncutCG
Per concludere consiglio caldamente la visione di questo servizio giornalistico francese trasmesso da Report:




- See more at: http://www.losai.eu/il-leader-delle-rivoluzioni-colorate-era-pagato-da-unagenzia-usa-dintelligence-privata/#sthash.gkrhFOUf.fjc2aw7g.dpuf