D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


martedì 10 dicembre 2013

Le tasse, i votanti, la politica

Le tasse...

«Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. L’abilità consiste nel ridurre le spese, dando nondimeno servizi efficienti, corrispondenti all'importo delle tasse».
Maffeo PANTALEONI (1857-1924)

Epicheia cristiana è il diritto ed il dovere di non pagare le tasse là dove lo stato di diritto diventa diritto di stato alla rapina legale, e dove la legge costringe al male da compiere: sottostare democraticamente alla mafia del potere finanziario, ed accettare il signoraggio - deprecato da gesù con le parole “non chiamate nessuno signore” - che fa del cittadino un mafioso nella misura in cui accetta di pagare il pizzo di un debito inesigibile sotto forma di tasse.

Il problema è sapere se è giusto dichiarare il giusto, di fronte al fatto che, per esempio, in Italia la riscossione delle imposte non funziona da almeno 21 secoli. E questo è un dato storico: basta leggere le famosissime Verrine, cioè le arringhe di Cicerone contro Verre in merito a gravi episodi di corruzione circa la riscossione delle imposte (1).
Sapere chi dichiara il giusto e sapere il motivo per cui è giusto dichiarare il giusto sono dunque per Matteo due conoscenze che non possono fargli proseguire la sua professione di agente tributario.
Egli decide di seguire Gesù.
Seguire Gesù significa agire secondo epicheia.
Agire secondo epicheia significa: pago il tributo se lo ritengo equo, non pago il tributo il cui impiego percepisco destinato a scopi ingiusti e immorali, come le guerre per esempio. E fino a prova contraria, la salute di ogni Stato si chiama guerra.
Le guerre si fanno perché con la fiscalità sui sacrifici (fiscalità reddituale attuale) si genera solo carestia e debito pubblico: "Le finanze devono essere riequilibrate" - diceva Cicerone nel 63 a. C. - "Il debito pubblico dev'essere ridotto. L'arroganza dei burocrati dev'essere mitigata e l'assistenza alle terre straniere ridotta, altrimenti Roma andrà in rovina"!
Ecco dunque perché l'errore tecnico della fiscalità sui sacrifici va risolto. Perché è dai tempi pre cristiani che dev'essere risolto, e non lo è.
Di fronte a questo problema il mondo si comporta ancora come se la concezione della sua rotondità non fosse mai nata, e come se nelle coscienze esso si presentasse ancora in forma piatta, o cubica, ecc.

http://epicheia.blogspot.com/

I votanti...


"L'unione del gregge costringe il leone a coricarsi affamato."
Proverbio africano

"L'onestà è la miglior politica."
Miguel de Cervantes, Don Chisciotte

"Il bello della democrazia è proprio questo: tutti possono parlare, ma non occorre ascoltare."
Enzo Biagi

«Noi viviamo in una democrazia dove puoi dire tutto quello che vuoi, tanto non ti ascolta nessuno.»
(Pippo Franco)

"Per riuscire a vedere faccia a faccia lo Spirito della verità, universale e onnipresente, bisogna riuscire ad amare la più modesta creatura quanto noi stessi. E un uomo che nutre questa aspirazione non può esimersi dal partecipare a nessun aspetto della vita, ecco perché la mia adorazione per la Verità mi ha portato ad interessarmi anche di politica; posso affermare senza la minima esitazione, sebbene con molta umiltà, che coloro che sostengono che la religione non c’entra con la politica, ignorano cosa sia la politica."
Gandhi


"Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola!"
(Anton Pavlovic Čechov)

"Per un candidato è pericoloso dire cose che la gente potrebbe ricordare."
(it is dangerous for a national candidate to say things that people might remember)
Eugene Joseph McCarthy

"Se chi lavora mangiasse, cosa mangerebbe chi non lavora?"
Da I pensieri di Gasparazzo – Lotta Continua – Torino – 1975

"La differenza che c'è fra una democrazia e una dittatura è che in una democrazia prima voti e poi ordini; in una dittatura non perdi tempo a votare"
Charles Bukowski

"Sono arrivato alla conclusione che la politica è una faccenda troppo seria per essere lasciata ai politici"
Charles De Gaulle

"non votate, serve solo a incoraggiarli"

Anonimo

"Il sonno è di destra, il sogno di sinistra... Votate per una lucida insonnia."
(Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994)

"Abbiamo il miglior Congresso che il denaro possa comprare"
Will Rogers (1879 – 1935), comico USA

"Dovrebbe esserci un giorno - anche uno solo - di caccia aperta ai senatori."
Will Rogers - (1879 – 1935), comico USA

"Poche cose sono immutabili come l'attaccamento dei gruppi politici alle idee che hanno loro permesso di raggiungere il potere"
John Kenneth Galbraith

“La democrazia è una forma di religione. È l’adorazione degli sciacalli da parte dei somari…”
Henry Louis Mencken (1880-1956)

"La democrazia è un agnello in mezzo a due lupi che votano su cosa mangiare a colazione. La libertà un agnello bene armato che contesta il voto".
(Benjamin Franklin)

"se il voto cambiasse qualcosa, lo renderebbero illegale"
Anonimo

"Voti ogni volta che fai la spesa"
Alex Zanotelli

"Io mi rifiuto di pagare le tasse il cui impiego ritengo destinato a scopi ingiusti e immorali"
Henry David Thoreau

"Il miglior argomento contro la democrazia è una conversazione di cinque minuti con l'elettore medio."
(the best argument against democracy is a five minute conversation with the average voter)
Winston Churchill

"Ciao sono il PD. La Cancellieri é un ottimo ministro, anzi si deve dimettere, anzi presento una mozione mia perché non posso votare quella dei 5 stelle..
Tranquillo, stavo scherzando, é tutto OK. Don Salvatore Ligresti ci vediamo domani per il caffè, offre l'Italia.
Votami."
da https://www.facebook.com/IlMagicoMondoDelPd/posts/492914177489616


"Le pecore vanno al macello. 
Non si dicono niente, loro, e niente sperano. 
Ma almeno non votano per il macellaio che le ucciderà, 
e per il borghese che le mangerà. 
Più bestia delle bestie, 
più pecora delle pecore, 
l'elettore nomina il proprio carnefice 
e sceglie il proprio borghese. 
Ha fatto delle rivoluzioni 
per conquistarne il diritto..."
Octave Mirbeau

"I governi devono essere conformi 
alla natura degli uomini governati."
Giambattista Vico

"Governare è far credere.” 
Niccolò Machiavelli