D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


sabato 24 agosto 2013

TERREMOTO IN VENETO PRECEDUTO DA SCIE CHIMICHE di Gianni Lannes




di Gianni Lannes


Oggi terremoto bellico in provincia di Belluno, come dal prestabilito copione delle Forze Armate degli Stati Uniti d'America. Infatti è in atto nella disattenzione generale, dal 6 aprile 2009 - data della strage aquilana che è costata la vita 309 ignare persone - una strategia criminale di devastazione dello Stivale proseguita colpendo l'Emilia Romagna nel 2012 e ben 8 regioni nell'anno in corso. 

Prealpi Venete (anno 2013): scie chimiche - foto Daniel De Min


Il sisma è stato preceduto - come in gran parte d' Italia - da un'intensa nebulizzazione rilasciata da velivoli NATO che hanno disperso nell'aria alluminio, bario e polimeri artificiali. Tale sistema rende l'atmosfera elettroconduttiva in modo da consentire alle onde Elf emanate dai riscaldatori ionosferici (brevetto Eastlund) di colpire le faglie primarie. Infatti il terremoto presenta un ipocentro  estremamente superficiale, ad appena 9,2 chilometri di profondità.

 Prealpi Venete (anno 2013): scie chimiche - foto Daniel De Min



 Prealpi Venete (anno 2013): scie chimiche - foto Daniel De Min


Singolare combinazione: proprio due giorni fa ho pubblicato la lettera e le significative immagini di Daniel De Min, inviatemi proprio da Belluno, ossia dai luoghi colpiti dall'incessante inquinamento e bombardamento chimico "alleato".

Senza alcun dubbio, siamo dinanzi a crimini contro l'umanità che culmineranno secondo le dichiarazioni pubbliche degli esperti di Stato, in un sisma (di magnitudo stimata in 7.5 gradi della scala Richter) che annienterà il Sud Italia.


suggerimenti di lettura:

 http://cnt.rm.ingv.it/

http://iside.rm.ingv.it/iside/standard/index.jsp


http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/08/veneto-avvelenamenti-bellici-ne.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=terremoti

 http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=scie+chimiche

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=haarp

Comunicato INGV


Un terremoto di magnitudo(Ml) 3.6 è avvenuto alle ore 15:59:01 italiane del giorno 24/Ago/2013 (13:59:01 24/Ago/2013 - UTC).
Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel distretto sismico: Prealpi_venete.
I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo.


Dati evento



Event-ID 7229558790
Magnitudo(Ml) 3.6
Data-Ora 24/08/2013 alle 15:59:01 (italiane)
24/08/2013 alle 13:59:01 (UTC)
Coordinate 46.219°N, 12.496°E
Profondità 9.2 km
Distretto sismico Prealpi_venete

Comuni entro i 10Km

BARCIS (PN)
CIMOLAIS (PN)
CLAUT (PN)
Comuni tra 10 e 20km

CASTELLAVAZZO (BL)
CHIES D'ALPAGO (BL)
FARRA D'ALPAGO (BL)
PIEVE D'ALPAGO (BL)
PUOS D'ALPAGO (BL)
SOVERZENE (BL)
TAMBRE (BL)
ANDREIS (PN)
AVIANO (PN)
BUDOIA (PN)
ERTO E CASSO (PN)
MONTEREALE VALCELLINA (PN)
POLCENIGO (PN)