D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


giovedì 1 agosto 2013

LA GABANELLI AFFONDA L’ESERCITO DI SILVIO !!


gabanelli
LA GABANELLI AFFONDA L’ESERCITO DI SILVIO !!
Clamorosa notizia, proprio mentre si attende la sentenza per Silvio. Guardate cos’ha scoperto Milena Gabanelli…
Sequestrata l’impresa scelta dall’Esercito di SilvioDopo l’inchiesta del team Gabanelli, scatta il secondo sequestro per la Ecoin Srl, impresa catanese che Simone Furlan, fondatore dell’Esercito di Silvio, ha scelto per iniziare il tour nazionale a sostegno del Cavaliere.
La Ecoin è stata sequestrata con il provvedimento disposto dal Gip Francesca Cercone, che ha dato il via a una maxi operazione con 21 indagati, accusati di essere a vario titolo prestanome di Emanuele Caruso, condannato in primo grado nel 2011 per associazione a delinquere e nipote di “Pippo Mirenna”, elemento di spicco del Clan Ercolano-Santapaola.
Le indagini, condotte dalla Guardia di Finanza guidata dal colonnello Francesco Gazzani, esperto a livello internazionale di lotta al riciclaggio, ipotizzano che Caruso gestisse, attraverso familiari e amici, un patrimonio del valore di 30milioni di euro.
Secondo gli investigatori, «Le indagini hanno consentito di accertare che è stata scientemente realizzata una situazione di difformità tra la titolarità formale e la titolarità di fatto delle società poste sotto sequestro». «Emanuele Caruso – si legge ancora negli atti degli inquirenti – in ragione delle indagini condotte nei suoi confronti in passato, aveva avuto la necessità di costruire attorno a sé una fitta rete di prestanome per dissimulare la riconducibilità alla sua persona delle società»
FONTE: CORRIERE DELLA SERA e MY WORLD