D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


domenica 22 settembre 2013

I COMUNI FALLITI




La crisi prosegue nel suo incedere devastante perché i ritocchini del governo Letta non producono la sterzata necessaria e perché la politica, a tutti i livelli dal centro alla periferia, non muove un dito.

Con l’acqua alla gola non sono solamente le migliaia di piccole e medie aziende private, ma addirittura il cartello “chiuso” potrebbe essere presto appeso nel portone dei comuni italiani, cioè in quelle istituzioni ritenute vicine ai cittadini, le più virtuose e intraprendenti nell’amministrare la cosa pubblica, da sempre – fra l’altro – emblema di quella sinistra e di destra del “buon governo” che fu.

Non si può fare di tutta un’erba un fascio, ma oramai siamo di fronte a una realtà rovesciata, dove l’eccezione è l’amministrazione pubblica “positiva”, non la mela marcia.



Il Patto di stabilità pesa sui municipi, ma il rischio default per 500 comuni ha ben altre radici e altre responsabilità: il malgoverno, scelte demagogiche e populiste dettate da logiche elettoralistiche, favoritismi di ogni tipo, investimenti sbagliati, mancanza di programmazione.

In altre parole, soldi buttati, bilanci in rosso, commissariamenti “de facto”, con i tecnici che amministrano al posto degli amministratori eletti dai cittadini, anche se il più delle volte, in lista sulla base di convenienze interne dei partiti e delle loro correnti interne. Il risultato? Un quasi disastro o un disastro completo. A pagare sono sempre i cittadini, senza più punti di riferimento istituzionali, costretti a pagare sempre di più i servizi essenziali intaccati nella quantità e nella qualità.



Attivismo