D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


domenica 30 giugno 2013

La Caritas: sempre più italiani ci chiedono da mangiare

Rapporto sulla povertà: dal 2008 al 2012 sono aumentati del 31,4% coloro che domandano pacchi viveri e piccoli aiuti materiali. Aumentano i cittadini che non hanno un reddito sufficiente per soddisfare i bisogni primari
Caritas, sempre più italiani ci chiedono cibo (foto di Arcelota da Flickr) (immagini di Emanuele Di Nicola)
(Adnkronos) – Dal 2008 al 2012 sono aumentati del 31,4% coloro che domandano pacchi viveri e piccoli aiuti materiali. Nel corso del 2012 gli italiani che hanno chiesto cibo ai centri sono stati il 37%, percentuale pressoche’ pari a quella registrata tra gli stranieri.
Aumenta chi non riesce a ritrovare piu’ il lavoro. Aumentano le richieste di pacchi viveri e sostegno materiale. Continua a crescere, soprattutto tra gli italiani, il numero di chi non ha un reddito sufficiente per soddisfare i bisogni primari.E’ quanto emerge dal 12° Rapporto sulle poverta’ emerge l’aumento della rassegnazione tra gli utenti dei centri di ascolto. Dall’ultimo Rapporto sulle poverta’ nella diocesi di Milano, basato sui dati raccolti dagli operatori dei centri di ascolto e dei servizi di Caritas Ambrosiana nel corso di tutto il 2012, emerge quanto la crisi non solo stia privando di opportunita’ una fascia crescente della popolazione, ma stia ormai rubando anche la speranza di potere ritrovare un lavoro a chi lo ha perso.
Fonte: rassegna.it
Alz