D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


venerdì 28 giugno 2013

Planes: l'ultimo film della Disney per lavare il cervello ai bambini


Planes, l’ultimo film della Disney per lavare il cervello dei bambini

Planes, l’ultimo film della Disney per lavare il cervello dei bambini

2 Comments 🕔26.giu 2013
- di Daniele Di Luciano -
Qualcosa è cambiato dai tempi di Top Gun. Ve lo ricordate, sì? Il film con Tom Cruise e Val Kilmer, il pilota Maverick, la colonna sonora fichissima. Top Gun uscì nel 1986, ben 27 anni fa. Cos’è cambiato da allora? Verrebbe da dire: gli aerei. Invece no, è cambiata la propaganda. Nel 1986 non erano in atto progetti di geoingegneria per controllare il clima e di conseguenza il sistema propagandistico non aveva bisogno di far credere che dai motori degli aerei uscissero scie lunghe e infinite che rimangono ore ed ore nei cieli. I cieli, nel 1986, erano puliti.
Invece oggi no, i cieli, spesso e volentieri, sono solcati dalle scie che rilasciano gli aerei. Perché? È aumentato il traffico? È cambiato il carburante? I motori? No, il motivo è che le scie che vediamo oggi non si formano dalla combustione del carburante (o almeno non solo, quelle infatti durerebbero pochi secondi). Le scie lunghe e infinite non sono scie di condensa dovute al normale rilascio di sostanze dal motore ma sono scie volontariamente rilasciate da appositi aerei per progetti climatici non ben specificati.
Sembra assurdo, vero? Eppure questo fenomeno è stato denunciato anche dall’Associazione Italiana Medici per l’Ambiente. Mi spiace se qualche lettore avesse difficoltà a crederci perché purtroppo la realtà non dipende da ciò che siamo disposti a ritenere possibile.
Ma veniamo al dunque: godetevi il trailer di Top Gun:
Visto? Aerei militari che volano tranquilli senza che dietro di loro si formi un’inferno chimico di schifezze biancastre. Ma, dicevamo, qualcosa è cambiato. Qualche mese fa i creatori di Cars hanno partorito l’ennesimo film lava-il-cervello-dei-bambini-e-compra-i-pupazzetti-dei-protagonisti-che-troverai-pure-nelle-confezioni-di-carta-igienica.
Si tratta di Planes e la trama sembra uguale a quella di Cars. La differenza è che invece di guardare un’ora e mezza di macchinine che corrono, i bambini guarderanno un’ora e mezza di aeroplanini che volano. E mica volano e basta? No-no, a differenza degli aerei di Top Gun, questi di Planes non fanno mezzo metro senza lasciarsi dietro una lunga scia bianca. Guardare per credere:
Addirittura possiamo vedere tutta questa porcheria in 3D! Wow! Aspetto con ansia il remake di Top Gun sperando che direttamente al cinema ci facciano sniffare un po’ di bario.
Risultato? I bambini crederanno che sia normale che gli aerei rilascino scie bianche e il cielo sia una m***a un giorno sì e l’altro pure. Ovviamente non solo grazie a questo film. Le scie chimiche vengono da tempo inserite ovunque: nei film, nei fumetti, negli spot, nei cartelloni pubblicitari. Tanto che anche gli adulti si sono “ambientati” a vivere sotto questo nuovo cielo, dimenticando com’era quello dei tempi di Top Gun.
Pensate che gli stessi autori di Planes avevano già inserito le scie in Cars (e in Cars neanche c’entravano niente) come potete vedere ingrandendo i fotogrammi che trovate qui.
Se qualcuno sta pensando che questo tipo di messaggi subliminali non influenzino la nostra psiche, mi spiace deluderlo ma è stato dimostrato il contrario, come potete leggere in questo breve articolo.
Per concludere vi lascio con questo breve video d’amore filmato a Disney World.