D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


lunedì 2 settembre 2013

L'avvertimento di Bashar Al Asad

L'avvertimento di Bashar Al Asad alla Francia: “Chiunque lavori contro gli interessi della Siria e dei suoi cittadini è un nemico.”

Ecco alcuni estratti dell'intervista del Presidente siriano Bashar al-Assad al quotidiano francese, Le Figaro.

LE FIGARO : Ci può dimostrare che il suo esercito non ha usato armi chimiche, il 21 agosto, nei sobborghi di Damasco in attacchi dove hanno perso la vita più di mille persone, come accusano, invece, Barack Obama e Francois Hollande ?

BASHAR AL ASAD: Chi accusa deve fornire la prove . Abbiamo sfidato gli Stati Uniti e la Francia di avanzare una sola prova. Obama e Hollande non ne sono stati in grado , anche ai loro popoli. ( ... ) Non ho alcun senso dire che l'esercito siriano ha tali armi o meno. Supponiamo che il nostro esercito voglia usare armi di distruzione di massa: E’ possibile che le abbiano usate nella stessa una zona in cui i soldati sono stati feriti da queste armi come hanno constatato gli ispettori delle Nazioni Unite uniti nella loro visita in ospedale dove sono stati curati? Dov'è la logica ?

Quale sarà la vostra risposta, se ci saranno attacchi militari contro il suo Paese ?

Il Medio Oriente è una polveriera , e il fuoco si sta avvicinando oggi. Non si deve parlare soltanto della risposta siriana , ma quello che potrebbe accadere dopo il primo attacco . Ma nessuno sa cosa succederà. Ognuno perde il controllo della situazione quando la polveriera esplode. Caos e l'estremismo si diffondernno . Il rischio è quello di una guerra regionale.

La Francia è diventato un Paese nemico della Siria ?

Chiunque contribuisce a rafforzare terrorismo, con armi e finanziamenti finanziari è nemico del popolo siriano. Chiunque lavori contro gli interessi della Siria e dei suoi cittadini è un nemico . I francesi non sono il nostro nemico, ma la politica dello stato è ostile al popolo siriano. Nella misura in cui la politica del governo francese è ostile al popolo siriano, lo Stato sarà il suo nemico . Questa ostilità terminerà quando il governo francese cambierà politica . Ci saranno ripercussioni negative , ovviamente, per gli interessi della Francia.

-Francesco-

Traduzione da Le Figaro Foto Syrian Arab News Agency - SANA Reuters