D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


mercoledì 4 settembre 2013

TERREMOTO MILITARE IN EMILIA ROMAGNA: CHIEDETE AL NOBEL OBAMA




di Gianni Lannes

Mentre decollano gli ultimi preparativi per aggredire un altro "Stato canaglia" (Siria, poi Iran),  si colpisce segretamente un alleato. Perchè? Vi sembrerà inverosimile, anzi impossibile. Però, è in atto un esperimento: l'Italia ed il popolo italiano sono una cavia. Vi piaccia o no. Non vi è logica, ma semplice follia.

I giochi di guerra segreti a stelle e strisce che sollecitano le faglie primarie proseguono alacremente nell'indifferenza dell'inesistente opinione pubblica italiana. Al massimo, qualcuno commenta cavolate gratuite sul web e qualche "esperto" o tuttologo rispolvera la teoria accademica della tettonica a placche che ignora l'esistenza dei riscaldatori ionosferici fissi e mobili (Haarp, Amisr, Pamir...) e non illumina, tuttavia, questi sismi con ipocentri estremamente superficiali. In questo caso ad appena 2,7 chilometri.

Date un'occhiate alle sottostanti tre cartine dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. E vi renderete conto che una simile attività sismica indotta è iniziata soltanto nel 2003. Poi, se si vuole far finta di nulla, padroni di insabbiare la testa come gli struzzi. Il fenomeno telecomandato dal Pentagono va avanti comunque. In questo caso perché i pacifinti italidioti non fiatano?








INGV dixit: "Le tre carte mostrano l’attività sismica della regione in tre diversi intervalli temporali.Sinistra: Dall'anno 0 all'anno 2002 (Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani, versione 2004 CPTI04, Gruppo di Lavoro CPTI, 2004): sono rappresentati con i quadrati gialli gli epicentri dei terremoti di Magnitudo Momento pari o superiore a 6; accanto al simbolo l'anno in cui e' avvenuto il terremoto. Centro: La sismicita' localizzata dalla Rete Sismica Nazionale dal 1/1/2003 al 31/12/2008 (Mag>=2.5); la grandezza dei simboli è proporzionale alla magnitudo del terremoto: i colori indicano differenti profondita' degli ipocentri. Destra: La sismicita' rilevata dalla Rete Sismica Nazionale negli ultimi 90 giorni; i dati riportati in questa mappa provengono dalle analisi effettuate nella Sala Sismica dell'INGV subito dopo ogni terremoto e possono quindi contenere piccoli errori. I dati rivisti sono pubblicati con cadenza quindicinale sulle pagine del Bollettino sismico".

Comunicato INGV

Un terremoto di magnitudo(Ml) 3.3 è avvenuto alle ore 09:03:04 italiane del giorno 04/Set/2013 (07:03:04 04/Set/2013 - UTC).
Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel distretto sismico: Pianura_padana_emiliana.
I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo. 

Dati evento


Event-ID7229713030
Magnitudo(Ml)3.3
Data-Ora04/09/2013 alle 09:03:04 (italiane)
04/09/2013 alle 07:03:04 (UTC)
Coordinate44.869°N, 11.289°E
Profondità2.7 km
Distretto sismicoPianura_padana_emiliana
Comuni entro i 10Km

FINALE EMILIA (MO)
Comuni tra 10 e 20km

BORGOFRANCO SUL PO (MN)
CARBONARA DI PO (MN)
FELONICA (MN)
MAGNACAVALLO (MN)
SERMIDE (MN)
BERGANTINO (RO)
CALTO (RO)
CASTELMASSA (RO)
CASTELNOVO BARIANO (RO)
CENESELLI (RO)
FICAROLO (RO)
SALARA (RO)
CAMPOSANTO (MO)
SAN FELICE SUL PANARO (MO)
CASTELLO D'ARGILE (BO)
GALLIERA (BO)
PIEVE DI CENTO (BO)
BONDENO (FE)
CENTO (FE)
MIRABELLO (FE)
SANT'AGOSTINO (FE)
fonte: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it