D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


venerdì 7 giugno 2013

L'Ungheria sta bruciando tutte le piantagioni realizzate con semi OGM di Monsanto


L' Ungheria ha deciso di eliminare tutte le piantagioni realizzate con semi OGM di Monsanto. Secondo il ministro per lo Sviluppo Rurale Lajos Bognar, sono stati bruciati questa settimana circa 500 ettari di colture di mais - pari a cinque milioni di metri quadrati. L'intenzione è che il paese non abbia più un solo frutto proveniente da materiale geneticamente modificato.

Secondo le informazioni del portale Real Pharmacy divulgato ieri (23), i campi di grano sono stati distrutti in tutto il territorio ungherese ed erano stati di recente impianto. Solo così il polline di mais TOSSICO che stava per essere disperso nell'aria, non sarà quindi pericolo per la popolazione.


Gli ungheresi sono il primo a prendere una posizione forte in seno all'Unione europea in relazione all'uso di semi transgenici. Nel corso degli ultimi anni, il governo ungherese sta distruggendo diverse piantagioni di materiali derivati dalla Monsanto. Il ministro dice che i produttori dei paesi Bognar sono tenuti a garantire che non utilizzano sementi geneticamente modificate.

L'Unione europea ha una politica di libera circolazione dei prodotti all'interno dei paesi del blocco. Così le autorità ungheresi, CHE HANNO BANDITO L'OGM dal 2011, non possono indagare su come i semi raggiungono il loro territorio. Tuttavia, ha detto Lajos Bognar, "che non ci impedisce di indagare in profondità l'uso di questi semi nel nostro territorio."

Secondo la stampa ungherese, il paese ha ancora migliaia di ettari in queste condizioni. Sempre secondo il portale Portogallo Mondiale agricoltori si difese contro l'accusa di utilizzare materiale geneticamente modificato. Essi sostengono che non sapevano che si trattava di semi di Monsanto.


Poiché il periodo fertile per le piantagioni è già oltre la metà, è troppo tardi per ripiantare nuovi semi. Così, il raccolto di quest'anno è andato completamente perso. E a peggiorare le cose per gli agricoltori, la società che ha distribuito i semi OGM è fallita - il che impedisce ogni possibilità di risarcimento.