D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


lunedì 4 novembre 2013

LO SFOGO


Giulia Ligresti l’ingrata: “Il figlio della Cancellieri è un idiota”

In una telefonata con un’amica la rampolla si lamenta della liquidazione data da Fonsai a Piergiorgio Peluso: cinque milioni di euro per un anno di lavoro

Quell’ “idiota” con cui sparlava al telefono insieme all’amica, alla fine si è rivelato la sua ancora di salvezza.Giulia Ligresti non sapeva il 19 ottobre 2012 che grazie a Piergiorgio Peluso avrebbe trovato un canale preferenziale per risolvere i suoi problemi legati al carcere e alla salute. Cosa che per altri detenuti meno illustri non è successo perché “l’idiota”, infatti, oltre ad essere stato direttore generale di Fonsai per un anno, è anche il figlio di Annamaria Cancellieri, il guardasigilli che si spese per farle ottenere i domiciliari vista le sue condizioni fisiche.
Ingrata Giulia, verrebbe da dire leggendo l’intercettazione di una telefonata della Ligresti, ai tempi in cui le nubi della bufera si stavano addensando nel cielo di Fonsai, riportata dalla Stampa. “Peluso…”, dice Giulia all’amica, “gli hanno dato una liquidazione di cinque milioni, ti rendi conto? Cinque milioni, è stato un anno e ha distrutto tutto”. L’amica è solidale con la Ligresti: “Gli danno una liquidazione, invece che chiedergli i danni!”. E Giulia rincara: “Sì, mi hanno detto che in consiglio nessuno ha fiatato. Sì, sì… Approvato all’unanimità. Che se fosse stato il nome di qualcun altro… A mio padre di 85 anni avrebbero contestato quella cifra. Questo ha 45 anni, è un idiota. Perché veramente è venuto a distruggere una compagnaia. Perché lo ha fatto proprio su mandato la distruzione… 5 milioni, è andato in Telecom, e l’Italia non scrive niente”. “Cavolo, potessero scrivere qualcosa”, dice l’amica. E la Ligresti: “Al contrario c’è un articolo su sua mamma, sai che è il ministro Cancellieri, pieno di lodi, figurati… Secondo me quella è un’area intoccabile proprio. Pazzesco. L’Italia è un Paese distrutto, è veramente mafia. I giornali che scrivono tutti uguali, poi appena uno alza la testa…”.  Giulia usa la parola “pazzesco”. E “pazzesco” è anche la parola che viene in mente a chi oggi risente quella telefonata: è proprio al ministro Cancellieri infatti che la famiglia Ligresti si è rivolta per aiutare l’amata rampolla.