D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


venerdì 8 novembre 2013

SCIE CHIMICHE: PROVE, PROVE E ANCORA PROVE UFFICIALI, POLITICHE, SCIENTIFICHE E TECNICHE


Sardegna (5 novembre 2013): scie chimiche - foto Deriu



 di Gianni Lannes


Per capire il presente se proprio non si vuole guardare in alto, basta volgere l'attenzione al recente passato. Il parlamento europeo è una miniera di riscontri in materia di aerosolterapia bellica, purtroppo dormienti in cassetti impolverati, mentre la stragrande maggioranza degli eurodeputati incassano - denaro pubblico - lauti stipendi e generose prebende alla faccia di chi li ha votati. Vi ricordate la cresta sui viaggi in aereo di Giorgio Napolitano, beccato con la mani nella marmellata da un temerario giornalista tedesco? Insomma, questo è il livello della casta.

Dunque, il 14 gennaio 1999 viene presentata da Maj Britt Theorin la "Relazione sull'ambiente, la sicurezza e la politica estera". Un documento interessante che svela qualche retroscena della guerra ambientale in atto, da parte del potente "alleato" (ossia padrone per conto terzi) di Washington sul vecchio continente, e a danno della sua ignara popolazione (ovvero, Noi).


Piemonte (autunno 2013): scie chimiche






La guerra ambientale segreta risale al memorandum Groves del 1943. Già allora il governo ed il complesso militar-industriale statunitense cercava il modo di addomesticare la Natura, per poi sottomettere tutto il genere umano.

Spulciando tra le carte elaborate in materia di geoingegneria ambientale, salta fuori questo interessante documento datato 2 gennaio 2013, a firma di Kelsi Bracmort che l'ha redatto per il Congresso USA:"Geoengineering: Governance and Technology Policy".




In materia scientifica c'è l'imbarazzo della scelta addentrandosi con cognizione di causa nella sterminata biliografia internazionale (in lingua inglese). Ai curiosi e agli scettici si raccomanda la lettura dei seguenti studi, propedeutici ad un approccio rigoroso al complesso argomento:



Alan Robock, Allison Marquardt, and Ben Kravitz et al., “Benefits, Risks, and Costs of Stratospheric Geoengineering,” Geophysical Research Letter, vol. 36 (October 2, 2009);





The Royal Society,

Geoengineering the Climate: Science, Governance, and Uncertainty 61 (2009).


 Bigliografia minima:

US ARMY, Us Army Activity in the US biological Warfare Programs 1942-1977. Rapporto presetato al Congresso, Washington 1977;

US CHEMICAL WARFARE SERVICE, US Chemical Warfare Policy, 14 giugno 1945;

US DEPARTMENT OF DEFENSE, FY 73 Safeguard Rationale, 27 febbraio 1972, US National Archives, Records of the Office of Undersecretary of State 1969-73- Box 4. George Washington University.