D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


giovedì 4 luglio 2013

Morales sequestrato

Altro che repubbliche delle banane! La vecchia e colta Europa ieri l’ha fatta davvero grossa. Un Presidente di uno stato sovrano si è visto negare il permesso di atterrare per uno scalo tecnico da Francia, Portogallo, Spagna e (ahimé) la nostra ardita Italia il cui fiammante ministro degli Esteri, Emma Bonino, ha passato la vita a difendere le libertà individuali. Conclusione: il presidente Evo Morales, di ritorno dalla Russia dove aveva partecipato ad un incontro di paesi produttori di gas, ha dovuto passare dodici ore recluso nell’aeroporto di Vienna, mandando all’aria tutti i suoi impegni di capo di stato, obbligando il vicepresidente Linera a farne le funzioni a La Paz e opponendosi ad un controllo del suo aereo, notoriamente protetto da immunità diplomatica, da parte delle autorità austriache che si sono dimostrate più sagge dei paesi latini dell’Europa che hanno commesso un atto grave di spregio verso un Capo di stato e ne hanno messo obbiettivamente a rischio la vita, avendo dovuto atterrare in un corridoio frettolosamente allestito.
L’equipaggio dell’aereo boliviano ha fornito alle autorità viennesi i passaporti di tutte le persone a bordo mentre Morales dava la sua parola d’onore che a bordo non c’era Edward Snowden, il giovane collaboratore della CIA che ha voluto far sapere al mondo che il suo paese, gli Stati Uniti, viola le garanzie più elementari della privacy di persone e di governi. D’altra parte, solo una reazione scomposta, mossa probabilmente dalle pressioni che la superpotenza esercita sui suoi fedeli alleati, poteva far ritenere che il Presidente della Bolivia si portasse via Snowden come se fosse una valigia portata via per sbaglio dall’aeroporto di Mosca. E ancora meno credibile si è rivelato quel sospetto quando si è saputo che l’aereo di Morales è partito da un aeroporto a 50 chilometri da quello di Mosca.
Ma forse, abituati a sequestrare persone anche in paesi terzi –mi riferisco alle extraordinary renditions- come è avvenuto a Milano nel caso di Abu Omar, gli alleati occidentali hanno maliziosamente pensato che quel metodo fosse in uso anche in altre latitudini. Va ricordato che il Presidente Napolitano ha concesso il perdono al colonnello Joseph Romano, agente della CIA coinvolto in quel rapimento con la nostra abituale indulgenza per le scorrettezze e illegalità della superpotenza.
I paesi dell’America Latina (non solo quelli che formano parte dell’ALBA) hanno solidarizzato con Morales: l’affronto fatto a lui brucia a tutti. L’America Latina non dimenticherà facilmente quanto accaduto nei cieli d’Europa, un abuso senza precedenti e senza ripetto per le norme internazionali

http://www.giannimina-latinoamerica.it