D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


giovedì 27 marzo 2014

COLLEGHI SINDACI, FUORI LE PALLE! DENUNCIAMO LO STATO PER OGNI INADEMPIENZA NEI CONFRONTI DEI NOSTRI COMUNI! FATELO PER AMORE DELLE VOSTRE CITTA’ E PER RISPETTO DEI VOSTRI CONCITTADINI!

QUESTO L’APPELLO DI CLAUDIO BIZZOZZERO, SINDACO DI CANTU’, UNA DELLE CAPITALI DELLA BRIANZA LANCIATO ATTRAVERSO LA SUA PAGINA FACEBOOK:
1295653-bizzozero
UN CALOROSO INVITO A TUTTI I COLLEGHI SINDACI LIBERI DALLE GABBIE DI PARTITO (NON QUINDI AI SINDACI SERVI DI PARTITO): METTIAMOCI INSIEME PER TRASCINARE I PARTITI IN TRIBUNALE ESATTAMENTE COME SI FA CON UN AMMINISTRATORE DI SOCIETA’ COLPEVOLE DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA.
AI COLLEGHI CHE VOGLIANO RACCOGLIERE QUESTO INVITO CHIEDO DI SCRIVERMI A QUESTA PAGINA FB OPPURE A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA: sindaco@comune.cantu.co.it
AGLI AMICI DI FB CHIEDO INVECE IL FAVORE DI FAR GIRARE QUESTO POST
Cari colleghi Sindaci liberi dalle gabbie di partito, se avete anche voi pendenze con lo Stato, non esitate: agite anche voi per vie legali.
Esattamente come lo Stato, occupato dai partiti, fa causa ai nostri concittadini ed alle nostre imprese, allo stesso modo anche noi Sindaci, in nome delle comunità che rappresentiamo, DOBBIAMO FAR CAUSA ALLO STATO quando non ci dà quel che ci deve.
E non si pensi che si tratti di un “delitto di lesa maestà”. Io amo la mia Città come amo il mio Paese, e proprio per questo, dal momento che i partiti si sono impadroniti dello Stato e l’hanno trasformato in un sistema di potere a loro vantaggio ed a danno dei cittadini onesti, far causa a QUESTO STATO è per noi un dovere morale ed equivale a FAR CAUSA AL SISTEMA MARCIO E FALLIMENTARE DEI PARTITI ed è dunque un mezzo che abbiamo a disposizione per provare a liberare lo Stato dai partiti e restituirlo ai cittadini onesti.
Ma non fermiamoci qui. Andiamo oltre. Mettiamoci insieme per TRASCINARE IN TRIBUNALE DIRETTAMENTE I PARTITI ED I POLITICI che hanno governato il Paese negli ultimi 40 anni.
Uniamoci per avviare una causa comune contro chI ha RIDOTTO SUL LASTRICO LA NOSTRA REPUBBLICA, LE NOSTRE FAMIGLIE, LE NOSTRE IMPRESE ED I NOSTRI COMUNI.
Noi Sindaci liberi dalle gabbie di partito non abbiamo solo l’autorità morale per farlo, ma abbiamo anche il dovere morale di farlo. Sono l’autorità ed il dovere che ci derivano dalle nostre comunità, dalle nostre famiglie, dalle nostre aziende, dai nostri concittadini che non ce la fanno più a reggere il peso insopportabile di un sistema di potere corrotto e fallimentare, e che vedono in noi una speranza tangibile per il futuro del nostro Paese e delle nostre comunità.
Noi che non abbiamo nulla da spartire col vergognoso sistema di potere partitocratico che sta distruggendo l’Italia, abbiamo per primi il dovere di trovare la maniera per inchiodare i partiti alle loro responabilità, trascinandoli in tribunale esattamente come si fa per un amministratore di una società responsabile di bancarotta fraudolenta.
I nostri concittadini se lo aspettano e noi non dobbiamo tradire le loro speranze.
Far causa e far condannare i partiti ed il loro sistema di potere corrotto equivale a tenatare di liberare e salvare le nostre Comunità, la nostra Repubblica e la nostra Sovranità Popolare.
 
 http://bastacasta.altervista.org/