D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


venerdì 14 marzo 2014

STAMPALIBERA CHIUDE MA LA CONOSCENZA CONTINUERA’

lupo linguaStampa Libera si ferma. C’è un solo ultimo articolo che forse potrò postare e condividere, se ce la farò a scriverlo, dal titolo “La stupidità che uccide” ed un video da me realizzato anni fa in ossequio all’ultimo grande scrittore veneto Gian Antonio Cibotto. Gianantonio ora è vecchio,  vive in una dimensione irreale, essendo “malato o graziato ” dall’Alzeimer. Poi basta. Il sito resterà per qualche tempo aperto per dar modo a chi ne ha bisogno, di ricercare e stampare articoli, poi valuteremo se chiuderlo definitivamente o lasciarlo fermo.  (Se non ci saranno novità sarà più probabile la prima ipotesi).
Il sottoscritto  non sarà più attivo nel blog, non scriverà  nè risponderà a messaggi se non  a coloro ai quali è ” moralmente” dovuto, nè aprirà altri siti, nè seguira attivamente il susseguirsi del teatrino della politica internazionale e nostrana. Quello che potevo dare e fare l’ho dato e fatto pagandone pure un alto prezzo.
Stampa Libera  ha auvuto circa un mese fa un picco record  giornaliero di 28.000 lettori. E’ un numero importante, ed è proprio per questa palese potenzialità che siamo stati sempre attaccati e  lo siamo tuttora.

Ricordo che fin da quando avevamo 2000 lettori, Fastweb ci impediva di spedire le mail che contenevano la parola stampalibera…
La gente cercava qui,  trovava risposte e questo non va bene.
Purtroppo ci siamo tirati dietro anche un cospiquo gruppo di troll e debunker, evidentemente pagati per rompere le scatole fino allo sfinimento e  per boicottarci.  Sono stati attivati programmi antispam molto pesanti sui messaggi che vengono ancora oggi spediti al ritmo di 1 al secondo per intasare il server.
Non basta,  c’è addirittura qualcuno che riesce ad entrare all’interno del sito  ed a cambiare le cose, a bloccare articoli,  a metter mano ai testi pur avendo  cambiato per sicurezza la password di accesso: (Qui si comprende anche come sia nato il dissapore con Nicoletta Forcheri. E’ stata una azione sotterranea di divide et impera portata al sito da dei debunker che hanno scavato il solco ed alimentato la divisione. Attualmente Nicoletta la si puo leggere su cosenostreacasanostra. http://mercatoliberotestimonianze.blogspot.it/. Se vorrà potrà continuare lei l’avventura  su Stampalibera.org. Mi auguro che  lettori e autori l’aiutino.
Insomma SL è in una posizione  vulnerabile  e ciò mi espone a difficoltà ed impegni che non sono più disposto ad accettare. Ecco il motivo per cui mi fermo qui,  oltre ad altri  strettamente personali che alcuni di voi già conoscono.
Le notizie dei terremoti indotti in ogni luogo d’Italia, le irrorazioni chimiche composte di nanoparticelle di metalli pesanti e polimeri effettuate da centinaia di bombardieri che operano ogni giorno sopra le nostre teste,  i vaccini invalidanti e mortiferi, la chemio con le controindicazioni mortali stampate sul bugiardino data ai pazienti sotto tortura negli ospedali, la farsa della stampa criminale proveniente tutta da una sola fonte mondiale, mi hanno spronato a cercare giustizia ed a combattere. Mi sono subito calato in trincea a fare la mia parte umanitaria,  consapevole dell’immensa sofferenza provocata ai popoli ed alla natura  dai malati mentali che ci tengono a bada come greggi.
Purtroppo chi è in prima linea si usura più degli altri e prima o poi deve lasciare la postazione, pena la capitolazione fisica. A cosa sarebbe valso raccontarvi  delle teorie di Laboryt e Hamer se poi fossi incorso io stesso in quest’errore di resistere ad oltreanza  fino a spezzarmi?
Prima di lasciarci però voglio  dire alle persone che si sentiranno orfane (io per primo) di questo media di crescita personale e di informazione libera, che gli elementi per cercare la verità, scovare le notizie, trovare autorevoli pareri ci sono e li ritroveranno rileggendo gli articoli che potranno ricercare non tanto per categoria ma per parole chiave, nella casella “cerca”. Il grosso lavoro di inserimento di links, commenti agli articoli e suggerimenti di vario tipo, compiuto da lettori bene informati,   potrà sempre essere ripescato, recuperato per ripartire con nuove ricerche. Rimarranno pubblicati i links dei siti dai quali abbiamo prelevato più frequentemente tanti articoli. In questi siti i lettori potranno monitorare l’andazzo delle politiche degli Stati, loro governanti e delle tendenze in atto, oltre ad avere le versioni veritiere o quantomeno diverse dei fatti che accadono giorno dopo giorno nel mondo.
Auguro a tutti di cercare la verità. E’ importante per permetterci di stare all’erta, tener pronta la nostra via di fuga, per non aver  paura ( si ha paura principalmente di quello che non si conosce), per non “ammalarci” ed in definitiva per non soccombere spiritualmente e materialmente di fronte ad un nemico sconosciuto che terrorizza le genti.
Ringrazio infine gli autori che hanno sostenuto il sito ed i lettori che lo hanno ulteriormente alimentato. Un particolare ringraziamento va agli autori delle donazioni che ho avvertito essere state fatte col cuore.
Solo una ultima conoscenza mi preme far passare e sono delle considerazioni del grande Rol.
Rol era una persona pura dotata di poteri paranormali dal carattere altruista e affabile,  sempre proiettato e generoso verso gli altri. Era capace di materializzare gli oggetti,  fisicamente intendo,  traendo l’energia dall’etere. Per questo,  molti fra i massimi potenti della terra, gli hanno tributato omaggio e reso visita (Regan e Papa dell’epoca compresi).
In una lettera alla sua amata egli le svela che fra qualche centinaio di anni gli uomini saranno in grado di far come lui  e cioè di materializzare le cose, gli oggetti con la forza della mente. (Le prove, cioè gli oggetti da lui materializzati sono ancora in possesso di persone, tra le migliaia che lo hanno conosciuto). Egli disse anche che persone con doti speciali ma pur sempre umane come lui ed ancor più di lui Helena Blavatsky, erano molto rare e,  che ne appaiono sulla terra molto poche in un centinaio d’anni. Si lamentava,  anzi era quasi angosciato,  di non trovare persone pure,  ricettive ed al tempo stesso curiose, a cui passare le informazioni e scoperte  di cui disponeva. (Puri come bambini per connettersi all’etere cosmico? C’entra Dio inteso come entità suprema, intelligenza creatrice in una dimensione eterea, misurabile sotto forma di onde elettromagnetiche e verificabili dalla fisica o meccanica quantistica?)
Rol era un credente su un piano forse disgiunto poco appariscente ma analogamente convergente con le teorie divine di coesistenza, generosità, amore e rispetto fra gli uomini, che emergono nelle radici del cristianesimo.  Quel cristianesimo che ora in questa epoca storica è rimasto orfano e solo  a difendere i principi nobili di uguaglianza dei diritti e delle opportunità, della difesa dei deboli, della vita, insomma del “comunismo” di tanti sognatori del ’68 per dirla un po’ alla Gaber. Perdonatemi l’ardire!
Aggiungo solo una frase che mi ha accompagnato fino ad oggi e sono le parole di Giovanni Falcone: ” Ognuno faccia la sua parte,  piccola o grande che sia”. Solo se ognuno farà la sua piccola parte potremo cambiare qualcosa per noi stessi e per gli esseri innocenti che verranno.  E’ il dovere di ogni uomo degno di questo nome difendere la sua terra, la famiglia, l’altrui vita e quella di animali e piante, che convivono con lui nel  pianeta azzurro.
Ho finito. Il seme della conoscenza è stato sparso. Non siate preoccupati oltre misura, altre piante nasceranno e cresceranno, fosse anche fra le macerie.
Abbraccio a tutti
Lino Bottaro
- See more at: http://www.stampalibera.com/?p=12472#sthash.Jm6qcod8.dpuf

di Lino Bottaro


Stampa Libera si ferma. C’è un solo ultimo articolo che forse potrò postare e condividere, se ce la farò a scriverlo, dal titolo “La stupidità che uccide” ed un video da me realizzato anni fa in ossequio all’ultimo grande scrittore veneto Gian Antonio Cibotto. Gianantonio ora è vecchio,  vive in una dimensione irreale, essendo “malato o graziato ” dall’Alzeimer. Poi basta. Il sito resterà per qualche tempo aperto per dar modo a chi ne ha bisogno, di ricercare e stampare articoli, poi valuteremo se chiuderlo definitivamente o lasciarlo fermo.  (Se non ci saranno novità sarà più probabile la prima ipotesi).
Il sottoscritto  non sarà più attivo nel blog, non scriverà  nè risponderà a messaggi se non  a coloro ai quali è ” moralmente” dovuto, nè aprirà altri siti, nè seguira attivamente il susseguirsi del teatrino della politica internazionale e nostrana. Quello che potevo dare e fare l’ho dato e fatto pagandone pure un alto prezzo.
Stampa Libera  ha auvuto circa un mese fa un picco record  giornaliero di 28.000 lettori. E’ un numero importante, ed è proprio per questa palese potenzialità che siamo stati sempre attaccati e  lo siamo tuttora.
Ricordo che fin da quando avevamo 2000 lettori, Fastweb ci impediva di spedire le mail che contenevano la parola stampalibera…
La gente cercava qui,  trovava risposte e questo non va bene.
Purtroppo ci siamo tirati dietro anche un cospiquo gruppo di troll e debunker, evidentemente pagati per rompere le scatole fino allo sfinimento e  per boicottarci.  Sono stati attivati programmi antispam molto pesanti sui messaggi che vengono ancora oggi spediti al ritmo di 1 al secondo per intasare il server.
Non basta,  c’è addirittura qualcuno che riesce ad entrare all’interno del sito  ed a cambiare le cose, a bloccare articoli,  a metter mano ai testi pur avendo  cambiato per sicurezza la password di accesso: (Qui si comprende anche come sia nato il dissapore con Nicoletta Forcheri. E’ stata una azione sotterranea di divide et impera portata al sito da dei debunker che hanno scavato il solco ed alimentato la divisione. Attualmente Nicoletta la si puo leggere su cosenostreacasanostra. http://mercatoliberotestimonianze.blogspot.it/. Se vorrà potrà continuare lei l’avventura  su Stampalibera.org. Mi auguro che  lettori e autori l’aiutino.
Insomma SL è in una posizione  vulnerabile  e ciò mi espone a difficoltà ed impegni che non sono più disposto ad accettare. Ecco il motivo per cui mi fermo qui,  oltre ad altri  strettamente personali che alcuni di voi già conoscono.
Le notizie dei terremoti indotti in ogni luogo d’Italia, le irrorazioni chimiche composte di nanoparticelle di metalli pesanti e polimeri effettuate da centinaia di bombardieri che operano ogni giorno sopra le nostre teste,  i vaccini invalidanti e mortiferi, la chemio con le controindicazioni mortali stampate sul bugiardino data ai pazienti sotto tortura negli ospedali, la farsa della stampa criminale proveniente tutta da una sola fonte mondiale, mi hanno spronato a cercare giustizia ed a combattere. Mi sono subito calato in trincea a fare la mia parte umanitaria,  consapevole dell’immensa sofferenza provocata ai popoli ed alla natura  dai malati mentali che ci tengono a bada come greggi.
Purtroppo chi è in prima linea si usura più degli altri e prima o poi deve lasciare la postazione, pena la capitolazione fisica. A cosa sarebbe valso raccontarvi  delle teorie di Laboryt e Hamer se poi fossi incorso io stesso in quest’errore di resistere ad oltreanza  fino a spezzarmi?
Prima di lasciarci però voglio  dire alle persone che si sentiranno orfane (io per primo) di questo media di crescita personale e di informazione libera, che gli elementi per cercare la verità, scovare le notizie, trovare autorevoli pareri ci sono e li ritroveranno rileggendo gli articoli che potranno ricercare non tanto per categoria ma per parole chiave, nella casella “cerca”. Il grosso lavoro di inserimento di links, commenti agli articoli e suggerimenti di vario tipo, compiuto da lettori bene informati,   potrà sempre essere ripescato, recuperato per ripartire con nuove ricerche. Rimarranno pubblicati i links dei siti dai quali abbiamo prelevato più frequentemente tanti articoli. In questi siti i lettori potranno monitorare l’andazzo delle politiche degli Stati, loro governanti e delle tendenze in atto, oltre ad avere le versioni veritiere o quantomeno diverse dei fatti che accadono giorno dopo giorno nel mondo.
Auguro a tutti di cercare la verità. E’ importante per permetterci di stare all’erta, tener pronta la nostra via di fuga, per non aver  paura ( si ha paura principalmente di quello che non si conosce), per non “ammalarci” ed in definitiva per non soccombere spiritualmente e materialmente di fronte ad un nemico sconosciuto che terrorizza le genti.
Ringrazio infine gli autori che hanno sostenuto il sito ed i lettori che lo hanno ulteriormente alimentato. Un particolare ringraziamento va agli autori delle donazioni che ho avvertito essere state fatte col cuore.
Solo una ultima conoscenza mi preme far passare e sono delle considerazioni del grande Rol.
Rol era una persona pura dotata di poteri paranormali dal carattere altruista e affabile,  sempre proiettato e generoso verso gli altri. Era capace di materializzare gli oggetti,  fisicamente intendo,  traendo l’energia dall’etere. Per questo,  molti fra i massimi potenti della terra, gli hanno tributato omaggio e reso visita (Regan e Papa dell’epoca compresi).
In una lettera alla sua amata egli le svela che fra qualche centinaio di anni gli uomini saranno in grado di far come lui  e cioè di materializzare le cose, gli oggetti con la forza della mente. (Le prove, cioè gli oggetti da lui materializzati sono ancora in possesso di persone, tra le migliaia che lo hanno conosciuto). Egli disse anche che persone con doti speciali ma pur sempre umane come lui ed ancor più di lui Helena Blavatsky, erano molto rare e,  che ne appaiono sulla terra molto poche in un centinaio d’anni. Si lamentava,  anzi era quasi angosciato,  di non trovare persone pure,  ricettive ed al tempo stesso curiose, a cui passare le informazioni e scoperte  di cui disponeva. (Puri come bambini per connettersi all’etere cosmico? C’entra Dio inteso come entità suprema, intelligenza creatrice in una dimensione eterea, misurabile sotto forma di onde elettromagnetiche e verificabili dalla fisica o meccanica quantistica?)
Rol era un credente su un piano forse disgiunto poco appariscente ma analogamente convergente con le teorie divine di coesistenza, generosità, amore e rispetto fra gli uomini, che emergono nelle radici del cristianesimo.  Quel cristianesimo che ora in questa epoca storica è rimasto orfano e solo  a difendere i principi nobili di uguaglianza dei diritti e delle opportunità, della difesa dei deboli, della vita, insomma del “comunismo” di tanti sognatori del ’68 per dirla un po’ alla Gaber. Perdonatemi l’ardire!
Aggiungo solo una frase che mi ha accompagnato fino ad oggi e sono le parole di Giovanni Falcone: ” Ognuno faccia la sua parte,  piccola o grande che sia”. Solo se ognuno farà la sua piccola parte potremo cambiare qualcosa per noi stessi e per gli esseri innocenti che verranno.  E’ il dovere di ogni uomo degno di questo nome difendere la sua terra, la famiglia, l’altrui vita e quella di animali e piante, che convivono con lui nel  pianeta azzurro.
Ho finito. Il seme della conoscenza è stato sparso. Non siate preoccupati oltre misura, altre piante nasceranno e cresceranno, fosse anche fra le macerie.
Abbraccio a tutti
lupo linguaStampa Libera si ferma. C’è un solo ultimo articolo che forse potrò postare e condividere, se ce la farò a scriverlo, dal titolo “La stupidità che uccide” ed un video da me realizzato anni fa in ossequio all’ultimo grande scrittore veneto Gian Antonio Cibotto. Gianantonio ora è vecchio,  vive in una dimensione irreale, essendo “malato o graziato ” dall’Alzeimer. Poi basta. Il sito resterà per qualche tempo aperto per dar modo a chi ne ha bisogno, di ricercare e stampare articoli, poi valuteremo se chiuderlo definitivamente o lasciarlo fermo.  (Se non ci saranno novità sarà più probabile la prima ipotesi).
Il sottoscritto  non sarà più attivo nel blog, non scriverà  nè risponderà a messaggi se non  a coloro ai quali è ” moralmente” dovuto, nè aprirà altri siti, nè seguira attivamente il susseguirsi del teatrino della politica internazionale e nostrana. Quello che potevo dare e fare l’ho dato e fatto pagandone pure un alto prezzo.
Stampa Libera  ha auvuto circa un mese fa un picco record  giornaliero di 28.000 lettori. E’ un numero importante, ed è proprio per questa palese potenzialità che siamo stati sempre attaccati e  lo siamo tuttora.

Ricordo che fin da quando avevamo 2000 lettori, Fastweb ci impediva di spedire le mail che contenevano la parola stampalibera…
La gente cercava qui,  trovava risposte e questo non va bene.
Purtroppo ci siamo tirati dietro anche un cospiquo gruppo di troll e debunker, evidentemente pagati per rompere le scatole fino allo sfinimento e  per boicottarci.  Sono stati attivati programmi antispam molto pesanti sui messaggi che vengono ancora oggi spediti al ritmo di 1 al secondo per intasare il server.
Non basta,  c’è addirittura qualcuno che riesce ad entrare all’interno del sito  ed a cambiare le cose, a bloccare articoli,  a metter mano ai testi pur avendo  cambiato per sicurezza la password di accesso: (Qui si comprende anche come sia nato il dissapore con Nicoletta Forcheri. E’ stata una azione sotterranea di divide et impera portata al sito da dei debunker che hanno scavato il solco ed alimentato la divisione. Attualmente Nicoletta la si puo leggere su cosenostreacasanostra. http://mercatoliberotestimonianze.blogspot.it/. Se vorrà potrà continuare lei l’avventura  su Stampalibera.org. Mi auguro che  lettori e autori l’aiutino.
Insomma SL è in una posizione  vulnerabile  e ciò mi espone a difficoltà ed impegni che non sono più disposto ad accettare. Ecco il motivo per cui mi fermo qui,  oltre ad altri  strettamente personali che alcuni di voi già conoscono.
Le notizie dei terremoti indotti in ogni luogo d’Italia, le irrorazioni chimiche composte di nanoparticelle di metalli pesanti e polimeri effettuate da centinaia di bombardieri che operano ogni giorno sopra le nostre teste,  i vaccini invalidanti e mortiferi, la chemio con le controindicazioni mortali stampate sul bugiardino data ai pazienti sotto tortura negli ospedali, la farsa della stampa criminale proveniente tutta da una sola fonte mondiale, mi hanno spronato a cercare giustizia ed a combattere. Mi sono subito calato in trincea a fare la mia parte umanitaria,  consapevole dell’immensa sofferenza provocata ai popoli ed alla natura  dai malati mentali che ci tengono a bada come greggi.
Purtroppo chi è in prima linea si usura più degli altri e prima o poi deve lasciare la postazione, pena la capitolazione fisica. A cosa sarebbe valso raccontarvi  delle teorie di Laboryt e Hamer se poi fossi incorso io stesso in quest’errore di resistere ad oltreanza  fino a spezzarmi?
Prima di lasciarci però voglio  dire alle persone che si sentiranno orfane (io per primo) di questo media di crescita personale e di informazione libera, che gli elementi per cercare la verità, scovare le notizie, trovare autorevoli pareri ci sono e li ritroveranno rileggendo gli articoli che potranno ricercare non tanto per categoria ma per parole chiave, nella casella “cerca”. Il grosso lavoro di inserimento di links, commenti agli articoli e suggerimenti di vario tipo, compiuto da lettori bene informati,   potrà sempre essere ripescato, recuperato per ripartire con nuove ricerche. Rimarranno pubblicati i links dei siti dai quali abbiamo prelevato più frequentemente tanti articoli. In questi siti i lettori potranno monitorare l’andazzo delle politiche degli Stati, loro governanti e delle tendenze in atto, oltre ad avere le versioni veritiere o quantomeno diverse dei fatti che accadono giorno dopo giorno nel mondo.
Auguro a tutti di cercare la verità. E’ importante per permetterci di stare all’erta, tener pronta la nostra via di fuga, per non aver  paura ( si ha paura principalmente di quello che non si conosce), per non “ammalarci” ed in definitiva per non soccombere spiritualmente e materialmente di fronte ad un nemico sconosciuto che terrorizza le genti.
Ringrazio infine gli autori che hanno sostenuto il sito ed i lettori che lo hanno ulteriormente alimentato. Un particolare ringraziamento va agli autori delle donazioni che ho avvertito essere state fatte col cuore.
Solo una ultima conoscenza mi preme far passare e sono delle considerazioni del grande Rol.
Rol era una persona pura dotata di poteri paranormali dal carattere altruista e affabile,  sempre proiettato e generoso verso gli altri. Era capace di materializzare gli oggetti,  fisicamente intendo,  traendo l’energia dall’etere. Per questo,  molti fra i massimi potenti della terra, gli hanno tributato omaggio e reso visita (Regan e Papa dell’epoca compresi).
In una lettera alla sua amata egli le svela che fra qualche centinaio di anni gli uomini saranno in grado di far come lui  e cioè di materializzare le cose, gli oggetti con la forza della mente. (Le prove, cioè gli oggetti da lui materializzati sono ancora in possesso di persone, tra le migliaia che lo hanno conosciuto). Egli disse anche che persone con doti speciali ma pur sempre umane come lui ed ancor più di lui Helena Blavatsky, erano molto rare e,  che ne appaiono sulla terra molto poche in un centinaio d’anni. Si lamentava,  anzi era quasi angosciato,  di non trovare persone pure,  ricettive ed al tempo stesso curiose, a cui passare le informazioni e scoperte  di cui disponeva. (Puri come bambini per connettersi all’etere cosmico? C’entra Dio inteso come entità suprema, intelligenza creatrice in una dimensione eterea, misurabile sotto forma di onde elettromagnetiche e verificabili dalla fisica o meccanica quantistica?)
Rol era un credente su un piano forse disgiunto poco appariscente ma analogamente convergente con le teorie divine di coesistenza, generosità, amore e rispetto fra gli uomini, che emergono nelle radici del cristianesimo.  Quel cristianesimo che ora in questa epoca storica è rimasto orfano e solo  a difendere i principi nobili di uguaglianza dei diritti e delle opportunità, della difesa dei deboli, della vita, insomma del “comunismo” di tanti sognatori del ’68 per dirla un po’ alla Gaber. Perdonatemi l’ardire!
Aggiungo solo una frase che mi ha accompagnato fino ad oggi e sono le parole di Giovanni Falcone: ” Ognuno faccia la sua parte,  piccola o grande che sia”. Solo se ognuno farà la sua piccola parte potremo cambiare qualcosa per noi stessi e per gli esseri innocenti che verranno.  E’ il dovere di ogni uomo degno di questo nome difendere la sua terra, la famiglia, l’altrui vita e quella di animali e piante, che convivono con lui nel  pianeta azzurro.
Ho finito. Il seme della conoscenza è stato sparso. Non siate preoccupati oltre misura, altre piante nasceranno e cresceranno, fosse anche fra le macerie.
Abbraccio a tutti
Lino Bottaro
- See more at: http://www.stampalibera.com/?p=12472#sthash.Jm6qcod8.dpuf
Stampa Libera si ferma. C’è un solo ultimo articolo che forse potrò postare e condividere, se ce la farò a scriverlo, dal titolo “La stupidità che uccide” ed un video da me realizzato anni fa in ossequio all’ultimo grande scrittore veneto Gian Antonio Cibotto. Gianantonio ora è vecchio,  vive in una dimensione irreale, essendo “malato o graziato ” dall’Alzeimer. Poi basta. Il sito resterà per qualche tempo aperto per dar modo a chi ne ha bisogno, di ricercare e stampare articoli, poi valuteremo se chiuderlo definitivamente o lasciarlo fermo.  (Se non ci saranno novità sarà più probabile la prima ipotesi).
Il sottoscritto  non sarà più attivo nel blog, non scriverà  nè risponderà a messaggi se non  a coloro ai quali è ” moralmente” dovuto, nè aprirà altri siti, nè seguira attivamente il susseguirsi del teatrino della politica internazionale e nostrana. Quello che potevo dare e fare l’ho dato e fatto pagandone pure un alto prezzo.
Stampa Libera  ha auvuto circa un mese fa un picco record  giornaliero di 28.000 lettori. E’ un numero importante, ed è proprio per questa palese potenzialità che siamo stati sempre attaccati e  lo siamo tuttora.

Ricordo che fin da quando avevamo 2000 lettori, Fastweb ci impediva di spedire le mail che contenevano la parola stampalibera…
La gente cercava qui,  trovava risposte e questo non va bene.
Purtroppo ci siamo tirati dietro anche un cospiquo gruppo di troll e debunker, evidentemente pagati per rompere le scatole fino allo sfinimento e  per boicottarci.  Sono stati attivati programmi antispam molto pesanti sui messaggi che vengono ancora oggi spediti al ritmo di 1 al secondo per intasare il server.
Non basta,  c’è addirittura qualcuno che riesce ad entrare all’interno del sito  ed a cambiare le cose, a bloccare articoli,  a metter mano ai testi pur avendo  cambiato per sicurezza la password di accesso: (Qui si comprende anche come sia nato il dissapore con Nicoletta Forcheri. E’ stata una azione sotterranea di divide et impera portata al sito da dei debunker che hanno scavato il solco ed alimentato la divisione. Attualmente Nicoletta la si puo leggere su cosenostreacasanostra. http://mercatoliberotestimonianze.blogspot.it/. Se vorrà potrà continuare lei l’avventura  su Stampalibera.org. Mi auguro che  lettori e autori l’aiutino.
Insomma SL è in una posizione  vulnerabile  e ciò mi espone a difficoltà ed impegni che non sono più disposto ad accettare. Ecco il motivo per cui mi fermo qui,  oltre ad altri  strettamente personali che alcuni di voi già conoscono.
Le notizie dei terremoti indotti in ogni luogo d’Italia, le irrorazioni chimiche composte di nanoparticelle di metalli pesanti e polimeri effettuate da centinaia di bombardieri che operano ogni giorno sopra le nostre teste,  i vaccini invalidanti e mortiferi, la chemio con le controindicazioni mortali stampate sul bugiardino data ai pazienti sotto tortura negli ospedali, la farsa della stampa criminale proveniente tutta da una sola fonte mondiale, mi hanno spronato a cercare giustizia ed a combattere. Mi sono subito calato in trincea a fare la mia parte umanitaria,  consapevole dell’immensa sofferenza provocata ai popoli ed alla natura  dai malati mentali che ci tengono a bada come greggi.
Purtroppo chi è in prima linea si usura più degli altri e prima o poi deve lasciare la postazione, pena la capitolazione fisica. A cosa sarebbe valso raccontarvi  delle teorie di Laboryt e Hamer se poi fossi incorso io stesso in quest’errore di resistere ad oltreanza  fino a spezzarmi?
Prima di lasciarci però voglio  dire alle persone che si sentiranno orfane (io per primo) di questo media di crescita personale e di informazione libera, che gli elementi per cercare la verità, scovare le notizie, trovare autorevoli pareri ci sono e li ritroveranno rileggendo gli articoli che potranno ricercare non tanto per categoria ma per parole chiave, nella casella “cerca”. Il grosso lavoro di inserimento di links, commenti agli articoli e suggerimenti di vario tipo, compiuto da lettori bene informati,   potrà sempre essere ripescato, recuperato per ripartire con nuove ricerche. Rimarranno pubblicati i links dei siti dai quali abbiamo prelevato più frequentemente tanti articoli. In questi siti i lettori potranno monitorare l’andazzo delle politiche degli Stati, loro governanti e delle tendenze in atto, oltre ad avere le versioni veritiere o quantomeno diverse dei fatti che accadono giorno dopo giorno nel mondo.
Auguro a tutti di cercare la verità. E’ importante per permetterci di stare all’erta, tener pronta la nostra via di fuga, per non aver  paura ( si ha paura principalmente di quello che non si conosce), per non “ammalarci” ed in definitiva per non soccombere spiritualmente e materialmente di fronte ad un nemico sconosciuto che terrorizza le genti.
Ringrazio infine gli autori che hanno sostenuto il sito ed i lettori che lo hanno ulteriormente alimentato. Un particolare ringraziamento va agli autori delle donazioni che ho avvertito essere state fatte col cuore.
Solo una ultima conoscenza mi preme far passare e sono delle considerazioni del grande Rol.
Rol era una persona pura dotata di poteri paranormali dal carattere altruista e affabile,  sempre proiettato e generoso verso gli altri. Era capace di materializzare gli oggetti,  fisicamente intendo,  traendo l’energia dall’etere. Per questo,  molti fra i massimi potenti della terra, gli hanno tributato omaggio e reso visita (Regan e Papa dell’epoca compresi).
In una lettera alla sua amata egli le svela che fra qualche centinaio di anni gli uomini saranno in grado di far come lui  e cioè di materializzare le cose, gli oggetti con la forza della mente. (Le prove, cioè gli oggetti da lui materializzati sono ancora in possesso di persone, tra le migliaia che lo hanno conosciuto). Egli disse anche che persone con doti speciali ma pur sempre umane come lui ed ancor più di lui Helena Blavatsky, erano molto rare e,  che ne appaiono sulla terra molto poche in un centinaio d’anni. Si lamentava,  anzi era quasi angosciato,  di non trovare persone pure,  ricettive ed al tempo stesso curiose, a cui passare le informazioni e scoperte  di cui disponeva. (Puri come bambini per connettersi all’etere cosmico? C’entra Dio inteso come entità suprema, intelligenza creatrice in una dimensione eterea, misurabile sotto forma di onde elettromagnetiche e verificabili dalla fisica o meccanica quantistica?)
Rol era un credente su un piano forse disgiunto poco appariscente ma analogamente convergente con le teorie divine di coesistenza, generosità, amore e rispetto fra gli uomini, che emergono nelle radici del cristianesimo.  Quel cristianesimo che ora in questa epoca storica è rimasto orfano e solo  a difendere i principi nobili di uguaglianza dei diritti e delle opportunità, della difesa dei deboli, della vita, insomma del “comunismo” di tanti sognatori del ’68 per dirla un po’ alla Gaber. Perdonatemi l’ardire!
Aggiungo solo una frase che mi ha accompagnato fino ad oggi e sono le parole di Giovanni Falcone: ” Ognuno faccia la sua parte,  piccola o grande che sia”. Solo se ognuno farà la sua piccola parte potremo cambiare qualcosa per noi stessi e per gli esseri innocenti che verranno.  E’ il dovere di ogni uomo degno di questo nome difendere la sua terra, la famiglia, l’altrui vita e quella di animali e piante, che convivono con lui nel  pianeta azzurro.
Ho finito. Il seme della conoscenza è stato sparso. Non siate preoccupati oltre misura, altre piante nasceranno e cresceranno, fosse anche fra le macerie.
Abbraccio a tutti
Lino Bottaro
- See more at: http://www.stampalibera.com/?p=12472#sthash.Jm6qcod8.X3ctrWZH.dpuf