D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


giovedì 27 marzo 2014

ITALIA: USA e getta…


Italia, inquinamento marino.

di Gianni Lannes

C’è un libro che attende da più di un anno un editore libero e indipendente che abbia il coraggio di pubblicare un lavoro di ricerca a 360 gradi. L’inchiesta giornalistica sul campo, o meglio in mare aperto e nelle fonti dirette (governi, multinazionali, mafie, istituzioni…) è giunta al suo capolinea naturale. Altro che navi dei veleni chimici e radioattivi: sono emerse sorprese di ogni genere in fondo al mare nostrum. E’ in atto un genocidio sommerso, silenzioso, coperto dall’omertà ad elevati livelli istituzionali. A pagare in termini di perdita di salute e di qualità della vita è l’ignara popolazione. E’ in atto una sorta di congiura del silenzio che ho tentato di squarciare già tre anni fa a Palermo, sollecitato da Salvatore Borsellino. L’esempio della centrale nucleare di Caorso, ma potrei citare il cimitero nucleare realizzato in Basilicata già a partire dagli anni ’60. Sia il Tg 1 Rai (l’anno  scorso) che il quotidiano La Repubblica (aprile 2012) mi hanno chiesto un’intervista sul fenomeno, ma inspiegabilmente, a distanza di tempo non hanno mandato in onda nulla e tantomeno pubblicato il contenuto di rivelazioni esplosive. Il blog SU LA TESTA è un contributo spontaneo realizzato con sacrificio di tempo e rischi (gratuito per i lettori) alla ricerca della verità in un Belpaese che sta morendo. Fino ad ora questo diario pubblico ha procurato minacce di morte, intimidazioni, insulti, avvertimenti, grane giudiziarie e quant’altro a chi lo realizza per offrire informazioni che mass media nascondono volutamente. Andremo avanti fino a novembre 2012 (un anno esatto dall’esordio), poi staccheremo la spina. A tutto c’è un limite. A Sud del Mezzogiorno si tramanda un antico detto: “se un asino non vuole bere è inutile insistere”.  

Nucleare mon amour - Benvenuti nell’eldorado a stelle e strisce, una portaerei nel Mediterraneo dove albergano indisturbate le armi di distruzione di massa. Una volta, tanto tempo fa, l’Italia veniva chiamata “Isola delle meraviglie”. Allora il giardino d’Europa esprimeva una civiltà e non era ancora preda dei ladri di futuro, di quelli che si riservano il diritto di annientare la vita in un amen, ammantati dai segreti militari.  Per la seconda volta, dopo il referendum del 1987, gli italiani hanno bandito il nucleare. Fatica vana perché il Belpaese - sull’orlo dell’olocausto atomico -  nasconde un arsenale di bombe  nucleari che infestano mari e terraferma, targate Stati Uniti d’America, in grado di cancellare per sempre il vecchio continente e dintorni dalla carta geografica. L’atomo bellico non è in agenda, insomma, non esiste nella “democrazia radioattiva” e, quindi, non si discute con i sudditi drogati dalla bulimia televisiva. Infatti, va in onda un giorno sì e l’altro pure a reti semplificate per i consumatori ubbidienti, la congiura del silenzio informativo. Grazie alla casta politica che ha appesantito la subordinazione e ci ha resi una colonia. Anche in materia di squisito diritto non si scherza: la Corte di Cassazione del Belpaese ha stabilito che la magistratura italiana non ha voce in capitolo sul nutrito campionario di atomiche USA, impiantate a casa nostra, ad un soffio da asili, scuole, ospedali e piazze. E’ finita la guerra fredda ed è cominciata la terza guerra mondiale.  Nel XXI secolo valgono ancora i patti siglati sottobanco, suggeriti da diplomatici e militari in carriera. L’accordo bilaterale - Bilateral Infrastructure Agreement (1954) - mai ratificato dal Parlamento, è stato imposto dagli USA su richiesta di patrioti nostrani. Una sudditanza consolidata in tempi più recenti dall’interregno bellico di vip inossidabili. Insomma, una delega in bianco in nome e per conto di milioni di biografie anonime: nomi, cognomi, soprannomi, date di nascita e giorni di morte.  

Mar Jonio, Italia, nave dei veleni.

Guerra ambientale - Era stata appena consumata la penultima macelleria mondiale, al ritmo di bombardamenti al fosforo  e al napalm (sperimentati sul territorio italiano ben prima del Vietnam). Allora gli anglo-americani allestirono in gran fretta nei mari italiani (Adriatico e Tirreno), alcuni cimiteri subacquei di armamenti chimici vietati dalla Convenzione di Ginevra (1925), per far sparire le tracce del loro arsenale proibito. Dal 1945 ne subiamo le conseguenze incalcolabili, fino alle odierne mutazioni genetiche indotte dalle sperimentazioni atmosferiche. Negli anni ‘60 tuonava in Italia il boom dell’atomo bellico: esperimenti, incidenti e fallimenti; in particolare, fughe di radioattività. Il campionario del dottor Stranamore, a guerra fredda consumata sonnecchia accanto a noi. I boiardi in divisa non hanno risparmiato un lembo tricolore: da nord a sud, isole incluse, mari annessi, vulcani, parchi nazionali ed aree protette, zone sismiche e territori franosi che si squagliano dopo un temporale. L’abbiamo sempre scampata bella, ma chissà se la fortuna persisterà a lungo nell’ex paese di santi, poeti e navigatori. Ben 90 bombe termonucleari, meglio note come  “B 61” a caduta gravitazionale - di proprietà USA - giacciono allo stato d’allerta, in alcuni aeroporti militari: a Ghedi Torre in provincia di Brescia e ad Aviano, terra del Friuli Venezia Giulia. C’è l’imbarazzo della scelta: ordigni atomici in miniatura, ma comunque letali nella base di Camp Darby, a Livorno. Mentre in Sicilia, alle falde dell’Etna sonnecchiano missili e mine atomiche di profondità. Gli Alleati non hanno lesinato sul potenziale distruttivo: plutonio ed uranio arricchito. Sostanze nucleari di scarto sono state sepolte nel ’92 nelle caverne carsiche di “Site Pluto” nel paese di Longare, ad uno sputo da Vicenza, città in fase di definitivo inglobamento bellico. Senza escludere altri siti “top secret”, assolutamente inaccessibili ai comuni mortali. Negli Stati Uniti d’America le unità a propulsione ed armamento nucleare non possono attraccare - per legge - dentro i porti civili. In Italia, invece, sostano e si esercitano in almeno una dozzina di aree portuali (ad esempio: Cagliari, La Spezia, Livorno, Napoli, Taranto), dinanzi a litorali popolosi. Navi e sommergibili atomici si rincorrono dribblando le petroliere in transito a Trieste, senza risparmiare Venezia o le Bocche di Bonifacio e lo Stretto di Messina; si inabissano e riemergono a ridosso di raffinerie, piattaforme dedite alla rapina di idrocarburi, oleodotti, rigassificatori e fabbriche chimiche. Ogni tanto perdono qualche siluro o missile, oppure, in alternativa colano a picco qualche peschereccio: lavoratori del mare, tutto compreso. Più ancora prediligono i parchi marini, meglio noti come santuari naturalistici di carta straccia. Piani di sicurezza? Mai pervenuti all’opinione pubblica.    A metà degli anni ’70, in gran segreto le forze armate italiane hanno testato con tre lanci nel poligono sardo Salto di Quirra, il missile “Alfa”, destinato ad essere  usato con testate atomiche. I militari nostrani hanno ottenuto dallo zio Sam un impianto nucleare (Camen, oggi Cisam, ex Cresam) alle porte di Pisa, dinanzi al Tirreno, nel parco di Migliorino-San Rossore, dove sperimentare e infine accumulare all’aria aperta, quantità di scorie nucleari non contabilizzate nell’inventario nazionale. La base, è  stata trasformata in una discarica militare a pieno regime.

Segreti di segreti - Nodi volutamente irrisolti, ancora stragi in tempo di pace: strage di Ustica (27 giugno 1980: 81 vittime). Il movente è sepolto nelle alchimie internazionali. Manca all’appello Israele - che aveva già messo in atto una serie di attentati in Italia - mentre gli Usa non rispondono alle rogatorie dei giudici.  Nel 1976 il “nostro” governo ed alcune società come la Snia Techint hanno stretto accordi commerciali per 50 milioni di dollari, con l’Iraq. Lo scopo era fornire allo Stato di Saddam Hussein la tecnologia nucleare. Ecco gli aggiornamenti giudiziari, qualche gola profonda ed innumerevoli testimoni “suicidati”.    Attenzione alle bare volanti. Volano modelli imbottiti di uranio sporco, letale alle alte temperature. Quando meno te l’aspetti cadono e allora sono guai, elusi però dalle autorità. Nel 2000 l’associazione Medicina Democratica ha sporto una documentata denuncia, alla stregua dei Vigili del Fuoco, oggi lettera morta. Quando piovono improvvisamente dal cielo sulla terraferma i velivoli militari esplodono. Come nel caso di un aereo Usa decollato il 12 luglio 1984 dalla base di Sigonella, precipitato subito dopo a Lentini. Da allora, a pagarne le conseguenze sono in particolare i bambini, colpiti dalle leucemie più che ogni altra parte d’Italia.  

Elettrosmog invisibile. Nel 1982  l’Istituto superiore di sanità avverte che i radar  sono pericolosi, a causa delle radiazioni ionizzanti emesse in notevoli quantità e senza controllo. La normativa fa uno sconto in deroga al ministero della Difesa. Il dottor Franco Sarto,  30 anni fa aveva accertato il danno provocato all’organismo umano (aberrazioni cromosomiche). In seguito il ricercatore è stato censurato dalle autorità militari. Mentre nelle Marche, a Potenza Picena, è viva la battaglia civile di un’anziana donna, a Niscemi, gli Usa, calpestando le normative italiane di protezione ambientale e salvaguardia sanitaria, impiantano il potente Muos di rilevamento satellitare. Testimoni a perdere, inghiottiti dal nulla. A dare la caccia ai trafficanti di armamenti si rimette la vita. Chi rammenta il caso di “Volpe 132”? Una lugubre sorte assegnata a due piloti della Guardia di Finanza. La sera del 2 marzo 1994 perlustravano un tratto di mare a bordo di un elicottero delle Fiamme Gialle. Il velivolo è stato abbattuto e  i due sottufficiali, Sedda e Deriu, non sono mai stati ritrovati. A dirla tutta, neanche ricercati a fondo. E’ un torbido filo nero che intreccia il 1994. Il 20 marzo di quell’anno, a Mogadiscio, sono stati brutalmente assassinati Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Nonostante un pesante depistaggio la magistratura ha riaperto l’indagine. E sempre nel ’94 (luglio), in Algeria, nel porto di Djendjen, a bordo della nave Lucina furono inspiegabilmente sgozzati nottetempo, sette marittimi italiani. Già dimenticata la vicenda? In “democrazia” è vietato curiosare negli affari di chi indossa grembiulini globali, senza patria né confine etico. Chi non si adegua muore.  

I giochi di guerra della Nato non risparmiano le creature marine come balene, delfini e capodogli, che sopravvivono nei santuari confezionati su misura per i cetacei.  Altro che referendum contro le servitù militari più estese d’Europa: in Sardegna la Corte costituzionale ha addirittura negato questa possibilità democratica. Ma il popolo non era sovrano? Finché c’è guerra: da anni svettiamo in cima alla classifica mondiale per spese ed esportazioni militari, grazie anche alle triangolazioni che hanno fatto la fortuna dei servizi segreti, soprattutto del Sismi. Sicuramente in barba alla legge 185 del ’90 che vieta la vendita a Paesi in guerra o dove non regna la democrazia, in seguito edulcorata in sede istituzionale da Cesare Previti col beneplacito del sistema di potere dominante. Anche le banche di santa romana chiesa  partecipano al “business”: in bilancio non solo alla voce Ior. Gli ignari contribuenti sborsano milioni di euro per mantenere le basi militari dello “zio Sam”. Gli italiani pagano con nuovi debiti gli armamenti che la Difesa USA ci assegna. Ultimo caso: il cacciabombardiere F- 35, dal costo faraonico in perenne lievitazione. La casta dei politicanti drena senza controllo le casse pubbliche sempre più al verde. Poi, agli italiani dicono che non ci sono risorse per la scuola pubblica, per la sanità collettiva, per la ricerca di qualità, per i servizi pubblici efficienti, per il lavoro dignitoso. E meno di niente per la cultura, per la famiglia, per la salvaguardia ambientale, per la reale crescita umana.  Cose buone dal mondo: un cancro garantito e certificato a norma di legge.  La nocività come strategia di selezione della specie. Tappa finale: la progressiva rarefazione dei beni ambientali di prima necessità: aria salubre, acqua pulita, terra sicura. I dati ufficiali parlano chiaro: 10 milioni di italiani sopravvivono in aree gravemente inquinate. E va sempre peggio. Non a caso il codice penale del Belpaese ignora l’ecosistema. Guai, però, a fiatare. Il problema non è la destra o la sinistra, come aveva intuito Giorgio Gaber. C’è dell’altro. Con le mafie che fatturano il 20 per cento del prodotto interno lordo, è in atto una pacifica e duratura convivenza in vigore dallo sbarco degli Alleati.
Segreti, misteri e sangue a fiumane per nascondere traffici di armi, occultamenti di rifiuti, strategie offensive. Stragi, omicidi, omissioni, insabbiamenti della verità per celare affari ed egemonie belliche, ruberie parastatali. 
Allora, vi siete mai accorti di quanto sia bello vivere in un paese a sovranità   inesistente, che non può prendere proprie decisioni senza l’interferenza, pardon, l’aiuto degli USA. Vi siete mai resi conto di come sia inebriante svegliarsi una mattina, salire a bordo di un aereo o di una funivia (non fa differenza), ed in entrambi i casi essere abbattuti, per errore o gioco. Oppure imbarcarsi di sera su un traghetto diretto in Sardegna e finire arrostiti? Sembrano dimenticati i venti morti del Cermis (3 febbraio 1998) dell’era clintoniana. Dove si rintana la giustizia quando muore la pelle viva di chi non ha voce?  Belpaese a sovranità azzerata, almeno a partire dalle clausole misteriose (ignote perfino agli storici di professione) dell’armistizio di Cassibile. Da noi imperversano tuttora segreti regolamentati da un regio decreto fascista del 1941. La nazione italiana occupata dagli Stati Uniti d’America, non è sovrana né indipendente, ma succube. La fragilità italica cova le radici proprio nella lunga sequela di misteri alimentati a dismisura. Una litania di accordi internazionali ha annichilito la Costituzione: ultimi in ordine temporale i Trattati di Prum, Lisbona e Velsen, che assoggettano ogni Stato del vecchio continente ad una normativa sovranazionale, promulgata da legislatori oscuri e ratificata da parlamentari sulla cresta dell’onda. Avanza incontrastato il militarismo. Tanti, troppi, sotto controllo totale. Alzi la mano chi ha mai sentito parlare di Eurogendfor: la nuova polizia militare europea che ha assunto poteri e compiti totalmente al di fuori del controllo democratico. Una decisione ratificata anche dal parlamento italiano (opposizione compresa), soltanto nell’anno 2010. L’Echelon italiana, capitolo intercettazioni e spionaggi è una regalo a parte che assottiglia all’osso la democrazia.

Chissà quante generazioni ci vorranno perché approdi una nuova leva di italiani che sappiano scrollarsi la rassegnazione. Come se l’ex giardino d’Europa, fosse soltanto una  nauseabonda torta da spartirsi: appalti, subappalti, commesse e posti al sole. Chissà se riusciremo a seminare quel seme buono a far germogliare di nuovo la sapienza delle madri, il coraggio dei padri, l’abnegazione dei nonni, di quelli che hanno fatto grande l’Italia, prima che l’egoismo e il criminale calcolo del privato profitto la riducesse in polvere. Chissà se riusciremo a rompere i compromessi e le compromissioni, i giochi delle parti, le mafie, gli intrallazzi, i silenzi, le omertà.

Tutte le strade, anche le più buie hanno un sole che  accompagna il cammino e un vento di pacifici colori che danza annunciando la primavera.  Per dirla con Pasolini: io so. La navigazione sul campo mi ha condotto a stanare le prove ufficiali: negli archivi angloamericani e in quelli italiani di ogni ordine e grado. Il mio viaggio a caccia di scorie non narra la storia, ma racconta alcune storie esplosive del Belpaese. Sconti a nessun, senza respiro. Sconfiggere i ladri di futuro è possibile, basta tenere a mente la lezione di Gandhi per estirpare il cancro militarista. Non c’è davvero, più tempo da perdere. E’ meglio essere attivi oggi che radioattivi e mutanti domani.

VIDEO

Padroni USA.
Italia.