D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


martedì 4 marzo 2014

UNITED STATES OF AMERICA: BOMBE CHIMICHE PROIBITE NEI MARI ITALIANI. UNA STRAGE SEGRETA



di Gianni Lannes


Si tratta di un crimine documentato a livello ufficiale, delle forze armate e dei governi di Washington e Londra, contro il popolo italiano a danno perpetuo del Mare Mediterraneo.



Infatti, al termine della seconda guerra mondiale, i sedicenti "alleati" hanno inabissato nei nostri mari su bassi fondali a ridosso delle aree costiere, in particolare l'Adriatico ed il Tirreno circa 1 milione di ordigni, gran parte dei quali caricati con aggressivi  chimici vietati dalla Convenzione di Ginevra del 1925. Gli involucri delle bombe a causa della corrosione marina hanno ceduto i loro veleni, prevalentemente arsenico e mercurio, contaminando la catena biologica. 

Tra l'altro proprio l'Air Foirce britannica ha utilizzato l'isola di Pianosa nell'arcipelago delle Tremiti (Parco nazionale dal 1989: il cuore della riserva marina) per scaricare bombe al fosforo mai bonificate. Presos l'Archivio di Stato di Bari, esistono rapporti ufficiali della Questura di Bari che documentano l'affondamernto da parte delle forze armate britanniche di zatteroni colmi di bombe proibite. Infatti, gli inglesi hanno avuto il controllo dei porti italiani durante il secondo conflitto mondiale, e anche dopo.

A ridosso dell'isola sono state affondate a metà degli anni '80 ben due navi di veleni.




Più recentemente - nel 2012 - in risposta all’interrogazione numero 4/15092 (legislatura 16) il ministro della Difesa, ammiraglio Giampaolo Di Paola ha precisato che:
 

«i residuati bellici a caricamento chimico si trovano in uno stato di conservazione pessimo, a seguito della prolungata azione della corrosione marina: ciò determina ulteriori difficoltà di rimozione ed elevati rischi per gli operatori, oltre a richiedere l’impiego di mezzi tecnologicamente avanzati, con conseguente aumento dei costi».



Senza contare le bombe all'uranio impoverito affondate in tutto l'Adriatico, da Caorle ad Otranto, dal 1994 al 1999 dai velivoli della Nato di ritorno dalle missioni di bombardamento della Jugoslavia. Nonostante le promesse della UE (Solana) e di D'Alema, i fondali marini non sono mai stati bonificati. E noi tutti ne paghiamo le conseguenze, così come le generazioni future.

Ecco cosa ha attestato il biologo marino Ezio Amato che ha coordinato la ricerca in mare per conto del miniustero dell'Ambiente ed ins eguito dlela Commisisone Europea (progetto Red Code):


 «I pesci del basso Adriatico sono particolarmente soggetti all’insorgenza di tumori, subiscono danni all’apparato riproduttivo, sono esposti a vere e proprie mutazioni che portano a generare esemplari mostruosi».

L'Icram, oggi Ispra ha documentato a livello scientifico l'ecatombe già nel 1999, ma tutti i governi tricolore hanno fatto finta di niente. Soltanto nella Daunia, dopo aver bombardato l'inerme città di Foggia e massacrato più di 22 mila civili inermi distruggendo il 75 per cento delle abitazioni (come hanno documentato i vigili del fuoco), furono ammassate nei campi di aviazione utili a bombardare l'Italia del Nord e la Germania, ben 200 mila ordigni chimici, poi affondati tra il 1945 ed il 1946, in gran segreto , al largo del golfo di Manfredonia.

Recentemente, proprio nel golfo di Manfredonia una bomba al fosforo targata United States of America ha incendiato come al solito le reti di un peschereccio. Ecco cosa attesta l'ennesima ordinanza della Guardia Costiera:






 Mare Adriatico al largo del Gargano: aree di affondamento di ordigni chimici United States of America




A tal proposito, a parte le carte militari segrete angloamericane, risulta utile la lettura della documentazione rinvenuta nell'Archivio di Stato di Bari e Roma, nonché nell'Archivio Storico della Marina Militare a Roma. 

E' una realtà con cui bisogna fare i conti. Gli alleati sono responsabili di questo crimine. Ma nessun governante italidiota, pur al corrente, ha mai chiesto il conto. In fondo si tratta solo di tutelare la vita.


Bibliografia minima:

Atkinson Rick, The Day oh the Battle: The War in Sicily and Italy, 1943-1945, Henry Holt and Company, New York.

Infield Glenn B., Disaster at Bari. The Macmillan Company, New York.

Alexander S.F., Medical report of the Bari Harbour Mustard Csaualties, Mil. Med.1947, 101:1-17.

Amato E., Alcaro L., A.C.A.B., Armi chimiche affondate e bentohs- Residuati bellici caricati con aggressivi chimici affondati in Basso Adriatico: distribuzione e stato di conservazione e conseguenze per gli ecosistemi marini. Rapporto finale, 1999.

Lannes Gianni, IL GRANDE FRATELLO STRATEGIE DEL DOMINIO, Draco Edizioni, Modena, 2012.